Dl fisco. M5S: IVA scuole guida, risolviamo problema

L'immagine può contenere: 4 persone, testoCon lo stop aumento dell’Iva poniamo fine al gravoso problema scaturito da una recente sentenza della Corte di Giustizia, ripresa poi da una risoluzione delle Agenzie delle entrate. In questi mesi abbiamo dialogato costruttivamente con tutti i portatori di interessi del settore per trovare la soluzione migliore all’applicazione indiscriminata e pregressa del imposta sul valore aggiunto per i servizi erogati dalle autoscuole.

Per quanto riguarda l’insegnamento previsto per il conseguimento delle patenti di guida B e C1, l’aliquota iva al 22% scattera’ soltanto a partire dal 1 gennaio 2020.

Per chi, a seguito della sentenza e delle indicazioni dell’Agenzia delle entrate, avesse già provveduto ad assoggettare le suddette prestazioni Iva, ci sarà diritto alla detrazione d’imposta relativa agli acquisti.

Abbiamo altresì specificato che sono esenti dall’applicazione dell’Iva tutte le altre attività didattiche.

Proposta di legge “Salva-autoscuole”

In diretta dalla Camera dei Deputati presentiamo la proposta di legge “Salva-autoscuole”, che mira a tutelare le scuole guida dal recupero retroattivo dell’IVA.

Rivedi gli interventi della conferenza stampa

In diretta dalla Camera dei Deputati presentiamo la proposta di legge “Salva-autoscuole”, che mira a tutelare le scuole guida dal recupero retroattivo dell’IVA.Collegatevi!

Publiée par Diego De Lorenzis sur Jeudi 26 septembre 2019