Rossi su nuovo aeroporto Firenze: comportamento indecente e gravissimo!

Microsoft Word - NOTA DC_last edition 22-02-2012.docxNell’ambito della realizzazione del nuovo aeroporto di Peretola, è attualmente in corso l’esame del relativo progetto preliminare, cd Masterplan, da parte della Commissione nazionale di Valutazione di Impatto Ambientale presso il Ministero dell’Ambiente, organismo tecnico e indipendente incaricato di istruttoria per rendere il relativo parere in merito. Lo scorso 31 marzo in una riunione di questo comitato tecnico, come si è appreso negli scorsi giorni, ha partecipato personalmente il Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, che anticipando pubblicamente l’esito dell’istruttoria.

Tutto ciò francamente è vergognoso e irrispettoso di ogni minima regola di buona politica e buona amministrazione, perché mina il rapporto di autonomia e indipendenza di organi tecnici che non dovrebbero subire alcuna pressione nell’esercizio delle proprie delicate funzioni! Per questo sull’accaduto ho presentato un’interrogazione alla Camera dei deputati.

rossiSolo l’arroganza della politicanti di professione dei partiti infarcita esclusivamente da interessi e affari propri, può consentire ad un rappresentate non tecnico di prendere parte ad una riunione istruttoria che dovrebbe trattare di temi fondamentali per l’ambiente, la salute ed il territorio. I proclami del Presidente Rossi sono gravissimi e violano le doverose esigenze di riservatezza specie per progetti di tale rilevanza ancora non conclusi. 

Numerose, infatti, sono state le interrogazioni e gli esposti presentati dal deputato per puntare l’attenzione della politica, degli organi di controllo inclusa la Procura della Repubblica, sulle delicatissime problematiche ambientali sollevate dalla realizzazione del nuovo aeroporto che si pone anche in violazione della normativa europea, specie in campo di aiuti di Stato. L’aeroporto è ben lontano da essere utile per il Paese e i bisogni dei cittadini, l’opera è piuttosto una risposta agli interessi del Presidente Renzi e dei suoi amici, direttamente coinvolti nell’ambito dei relativi finanziamenti.

Questo è l’ennesimo volgare attacco alla democrazia nella gestione scandalosa della progettazione del nuovo aeroporto, in cui la presunzione delirante di gestire potere assume la presunzione di impunità assoluta: pretendiamo di sapere chi abbia autorizzato la partecipazione del Presidente Rossi alla riunione del Gruppo istruttorio e quali siano state le motivazioni e quali provvedimenti verranno presi per tale vergognoso comportamento.

Mentre ai cittadini si preclude la trasparenza nella gestione della cosa pubblica, ai politici amici è consentito travalicare ogni confine anche quello del principio democratico di separazione dei poteri e di anticipare e disporre delle decisioni finali non di propria competenza! Il Presidente Rossi infatti si è anche intestato la presidenza di un Osservatorio con funzioni di vigilanza e verifica, un istituzione che ad oggi non esiste, ergendosi a chiacchiere a paladino di tutela dei cittadini quando con il suo comportamento immorale e antidemocratico ha dimostrato di non avere dignità  e vergogna!

Questo è intollerabile e lo specchio di un’illegalità  diffusa: chiediamo rispetto per le Istituzioni con un’assunzione di responsabilità  del Ministro Delrio sull’inaccettabile accaduto e sulla inaudita gestione della progettazione del nuovo aeroporto.

Nuovo Aeroporto di Firenze: lettera all’UNESCO sui rischi per il centro storico.

Aeroporto_di_firenze_01Lo scorso 22 ottobre con i portavoce del M5S all’europarlamento, al parlamento italiano, del consiglio regionale toscano e dei comuni di Firenze e Prato, si è provveduto a segnalare ad UNESCO il rischio che corre il Centro Storico di Firenze e la sua popolazione a causa del nuovo aeroporto di Firenze con la pista di 2400 metri e di cui UNESCO sembra non avere avuto ancora notizia dalle amministrazioni competenti.

Il progetto, contrariamente a quanto finora annunciato in varie sedi, in caso di difficoltà o più comunemente di venti sfavorevoli, prevede che la pista del nuovo aeroporto possa essere usata in maniera bidirezionale, prevedendo quindi il sorvolo a bassa quota della città di Firenze, Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Possiamo, come Italiani, rischiare di perdere il patrocinio UNESCO per una delle città uniche al mondo che l’umanità ci invidia? E soprattutto, possiamo esporre Firenze e i suoi meravigliosi monumenti che il mondo ci invidia al rischio di essere distrutti in caso di incidente aereo? Non vorremmo che lo scellerato e carente progetto del nuovo aeroporto, strumentalmente voluto per consentire la visita di Firenze ad un numero maggiore di turisti, diventi paradossalmente la causa della sua distruzione.

Vedremo come reagirà a questa notizia UNESCO.

Ecco i nomi dei portavoce del M5S che hanno sottoscritto la lettera per UNESCO:

  • Deputato Diego De Lorenzis
  • Deputato Michele Dell’Orco
  • Senatrice Laura Bottici
  • Europarlamentare Marco Bullo
  • Senatrice Daniela Donno
  • Deputato Paolo Nicolò Romano
  • Deputato Arianna Spessotto
  • Deputato Nicola Bianchi
  • Deputata Paola Carinelli
  • Deputata Mirella Nuzzi
  • Deputato Alfonso Bonafede
  • Deputata Chiara Gagnarli
  • Deputato Filippo Gallinella
  • Deputata Federica Daga
  • Deputato Alberto Zolezzi
  • Deputata Patrizia Terzoni
  • Deputato Mirko Busto
  • Deputato Salvatore Micillo
  • Senatrice Sara Paglini
  • Senatrice Michela Montevecchi
  • Cons. Com. Firenze Silvia Noferi
  • Cons. Com. Firenze Arianna Xekalos
  • Cons. Com. Prato Mariangela Verdolini
  • Cons. Com. Prato Silvia La Vita
  • Cons. Com. Prato Gabriele Capasso
  • Cons. Metropolitano Giovanni Policastro
  • Cons. Reg. Toscana Andrea Quartini
  • Cons. Reg. Toscana Irene Galletti
  • Cons. Reg. Toscana Giacomo Giannarelli