Itinerario Bradanico Salentino: nessuna certezza sull’opera. Si eviti spreco di denaro con l’ennesima incompiuta!


L’itinerario Bradanico-Salentino unisce la Basilicata al Salento passando da Taranto. Di questo itinerario fa parte la Strada Statale 7-ter “Salentina” che è un’arteria che collega i capoluoghi di  Taranto e Lecce, attraversando il territorio della provincia di Brindisi, e rappresenta la dorsale appenninica dell’entroterra Salentino. Nel solo tratto da Manduria a San Pancrazio Salentino, si presenta a doppia carreggiata. La SS 7 invece da Taranto in direzione Matera, passa dal comune di Massafra.


L’infrastruttura della Bradanico-Salentina è stata suddivisa in diversi interventi e a loro volta suddivisi in sottointerventi ma nel complesso sono considerate  “opere strategiche” in quanto costituiscono un’importante infrastruttura per unire Matera, – prossima Capitale Europea della Cultura nel 2019 – e Lecce – importante città pugliese che presenta una rilevante presenza turistica soprattutto nei mesi estivi – al porto di Taranto facente parte della rete principale delle reti di trasporto europee TEN-T e all’aeroporto di Grottaglie classificato come aeroporto di interesse nazionale per la funzione Cargo. 

bradanicoTuttavia per quanto riguarda la SS 7-ter risultano ancora in fase di progettazione preliminare i relativi sottointerventi alla quale dovrà seguire la progettazione definitiva ed esecutiva, quindi ancora molto tempo dovrà passare per il completamento di questa arteria stradale. Dal punto di vista dell’investimento economico, pur prevedendo un impiego complessivo di quasi 210 milioni di euro, non sono stati stanziati i fondi necessari alla realizzazione. Per la SS 7, il 1° lotto Taranto/Massafra che prevede lavori di completamento dal costo stimato di oltre 56 milioni di euro si ritiene che l’opera, oggi ferma al progetto preliminare, venga realizzata oltre il 2020.

Per questo motivo con l’interrogazione al ministro Delrio si chiede se il  Ministro possa riferire lo stato attuale dei finanziamenti stanziati per gli interventi e i sottointerventi e se possa fornire informazioni in merito ai tempi previsti per la realizzazione degli stessi e dei tipi di finanziamento previsti. Queste informazioni sono utili al fine di dare con trasparenza le informazioni corrette alla cittadinanza e agli amministratori pubblici per una corretta pianificazione delle infrastrutture eventualmente necessarie per il territorio e soprattutto per non creare l’ennesima opera incompiuta con conseguente spreco di denaro pubblico in un momento storico in cui sarebbe davvero insopportabile.