Trasporto Pubblico Locale: le soluzioni ci sono ma il Governo non ha visione!

Share Button

Questa settimana si discutono e si votano le mozioni (impegni al Governo) per rilanciare il trasporto pubblico locale. La nostra mozione è disponibile qui! Di seguito il mio intervento in aula in discussione generale.

 

 

 

Grazie Presidente!

Cittadini italiani, colleghi deputati…

Ci troviamo a discutere del trasporto pubblico locale perché dobbiamo evidenziare al Governo e ai nostri colleghi in quest’aula che questo tema non è più rimandabile.

 

Non dobbiamo affrontare questo tema soltanto per l’innovazione tecnologica che è intervenuta in questo settore negli ultimi anni.

 

Non dobbiamo neanche parlarne esclusivamente a causa dell’accordo a Parigi sul contenimento del riscaldamento globale e della necessaria limitazione dei gas serra.

 

Questo tema è prioritario non solo per le tensioni che ormai periodicamente vedono in agitazione il personale delle aziende di trasporto pubblico, i tassisti, i cittadini/utenti e gli altri soggetti interessati al servizio

 

Il trasporto pubblico locale è anche strettamente legato a quello della sicurezza:

  • ACI-ISTAT (2014): > 177.000 incidenti
  • 251.000 feriti (costi sanitari e sociali) / Messina, Verona o Venezia
  • 3.380 morti: in Afghanistan dal 2001 al 2013, 3069 tra i soli militari della coalizione NATO (missione che costa agli italiani 1 milione di euro al giorno)
  • un recente studio dimostra che meno della metà degli automobilisti dà la precedenza ai pedoni in fase di attraversamento.
  • i costi sociali e sanitari sono valutati in 18 Miliardi/anno
  • non sono computati ovviamente i morti dovuti a inquinamento, le malattie cardiorespiratorie
  • il rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente (Aea): 2012 l’inquinamento dell’aria ha causato 491.000 morti premature UE; 84.400 in Italia (PISA/BRINDISI/COMO)
  • Prima causa di morte tra i 15 e i 30 anni di età (picco tra i neopatentati nei primi 4 anni)
  • Obiettivo UE: tendere a “0 morti” entro il 2050
  • i costi dovuti alla congestione è stimato in 11 Miliardi annui

 

Troppe auto private e troppo poco trasporto alternativo

Dati sono

  • 70% mobilità degli abitanti europei è in ambito urbano
  • 2012: 61 auto/100 abitanti  (primi in Europa)
  • il 13% del reddito complessivo per l’auto, spesa annua fino a 4.500 euro
  • A Londra (2014) i ciclisti medi al giorno erano 36mila, il triplo rispetto a inizio millennio, mentre il numero di automobilisti è crollato, nello stesso periodo, da 137mila a 64mila.

 

Ci troviamo costretti a discutere ancora di questo tema, perché i governi degli ultimi 20 anni hanno sprecato tempo, hanno sprecato i soldi dei cittadini nella realizzazione di opere faraoniche inutili per la collettività.

 

Oggi, Presidente, tutti i gruppi politici scrivono impegni al Governo che sono ampiamente condivisibili. Tuttavia, la differenza fondamentale è che tutti questi partiti in quest’aula è la coerenza! La COERENZA sig. Presidente!

 

Tutti i partiti signor Presidente sono INCOERENTI, hanno votato per inserire  il pareggio di bilancio in Costituzione modificandone 4 articoli, nel silenzio assoluto verso gli elettori. Oggi quel provvedimento impedisce anche ad enti pubblici che hanno risorse in cassa di spendere per fare manutenzione o investimenti anche nel settore dei trasporti.

 

Questo governo fa il Masterplan per il SUD che è un foglio pieno di nulla, è il governo dei tweet, delle slide e degli annunci, l’apice delle pessime pratiche dei governi passati!

 

Questo partito democratico e gli altri partiti in quest’aula hanno votato a favore in Europa affinché siano raddoppiati i limiti delle emissioni inquinanti delle auto

 

INCOMPETENZA

Presidente è merito ESCLUSIVO del M5S, dimissioni ministro incompetente Lupi: ripetizioni telefoniche da superdirigente del ministero delle infrastrutture, Ercole Incalza!

Bocciatura corte costituzionale piano porti, aeroporti e alta velocita Napoli-Bari

 

Come si fa a NON impegnare il Governo a promuovere l’introduzione e l’adozione delle tecnologie di informazione e telecomunicazione (ITS) per un sistema di trasporto pubblico efficiente?

 

Come si fa a NON impegnare il Governo a garantire risorse stabili, certe e sufficienti per l’implementazione dei servizi di trasporto pubblico locale?

 

E sappiamo già che il Governo e la maggioranza, con l’approvazione di questi impegni esulteranno

 

La verità presidente che questi impegni per il Partito Democratico e per il Governo sono carta straccia e lo dimostro Presidente.

 

In 2 anni questa maggioranza non ha fatto alcun passo per dare ai cittadini delle alternative nel settore della mobilità, anzi è vero il contrario!

 

Ha continuato a strozzare gli enti locali, in particolare i Comuni, che non hanno risorse sufficienti.

 

Ha abbandonato i cittadini a se stessi quando ha fatto finta di eliminare le Province, cancellando solo il voto dei cittadini, senza stabilire a chi sarebbero andate le competenze e quali risorse sarebbero state affidate per garantire il trasporto pubblico entro il perimetro di questi enti

 

Ha bocciato i nostri emendamenti per aumentare la quantità di merci trasferite su rotaia e via mare.

 

Ha bocciato tutte le nostre proposte di rifinanziamento delle legge 366 del 1998 sulla mobilità sostenibile.

 

Nel Luglio del 2013, una nostra proposta votata dal parlamento per dare 17 milioni alla mobilità ciclabile, ad oggi nonostante mille promesse rimasto inattuato

 

Questa maggioranza tiene congelata in commissione IX alla Camera la nostra proposta di riforma del Trasporto Pubblico Locale, INACCETTABILE non solo per noi come gruppo politico, ma vergognoso per garantire un DIRITTO dei cittadini!

 

Con lo stesso atteggiamento questa maggioranza tiene congelata in commissione IX alla Camera la nostra proposta sulla condivisione delle auto private (CAR POOLING)!

 

Ed è sempre il Partito Democratico che al Senato ha bloccato la proposta di legge di riforma del codice della Strada!

 

Il 17 Dicembre tutti i partiti hanno votato favorevolmente ad un nostro atto per garantire il TPL gratuito per disoccupati e fasce deboli

 

A Luglio 2014 la nostra proposta di garantire la trasparenza sulle multe modifica al codice della strada: e indovini un po’ Presidente? Proposta bocciato dal PD! Che relazione ha questo con il TPL?

 

Politica di Delrio uguale a quella di Lupi:

Legge obiettivo/priorità

  • Grandi opere inutili: Autostrada Orte Mestre, Autostrada Brescia Bergamo Milano, Autostrada Tirreno Brennero, Ponte sullo Stretto di Messina
  • Dannose per le casse dello Stato (corruzione e malaffare): Expo a Milano, Mose a Venezia, Alta velocità Torino Lione in Val di Susa,

 

Da una parte si dice che mancano le risorse, dall’altra queste opere sono pagate con i sacrifici degli italiani strangolati dalle tasse, dagli italiani che combattono giorno per giorno per mantenere le loro famiglie

 

Solo nell’ultima legge di stabilità, il nuovo ministro dei Trasporti Delrio, per illudere e gettare fumo negli occhi, ha stanziato 91 milioni di euro nella mobilità sostenibile, in 3 anni, vuol dire 30 milioni ogni anno. Tenuto conto che la maggior parte sono interventi per la mobilità ciclabile a fini turistici, è evidente che le risorse dispiegate da questo governo per la mobilità alternativa è risibile.

 

Qualcuno dirà che questo Governo ha stanziato risorse per l’acquisto di mezzi, ferroviari e autobus, per il trasporto pubblico locale! Peccato che nel decreto milleproroghe in approvazione al Senato posticipa l’uso di queste risorse di un altro anno.

 

SOLUZIONI

Meno auto private: la metà a medio periodo magari tendendo alle free car cities!

Mobilità alternativa: trasporto PUBBLICO locale (referendum 2011)

  • tram, metro e autobus nuovi, moderni, frequenti, accessibili, economicamente convenienti, linee ferroviarie elettrificate
  • più bici e più pedoni
  • percorsi ciclabili verso periferie, zone 30, spazi condivisi
  • carpooling, carsharing, bikesharing

 

Intermodalità: bici sui mezzi pubblici (metro, tram e autobus), integrazione modale e tariffaria, parcheggi di interscambio

 

Molti dei nostri programmi elettorali regionali e comunali prevedono il trasporto gratuito per tutti i cittadini

Noi ci impegniamo, a prescindere dal nostro ruolo di opposizione o di governo e dal livello istituzionale, a dare attuazione ad una visione che torni a mettere il diritto alla mobilità del cittadino al centro delle scelte e delle politiche degli enti istituzionali preposti!

Share Button