Sicurezza ferroviaria: chiarezza sul comportamento di Trenitalia.

ferrovie Regolamenti ferroviari e provvedimenti dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie in contrasto con i documenti sulla sicurezza emanati da Trenitalia.

L’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) ha emanato le linee guida per lo svolgimento delle attività attinenti al riordino del quadro normativo nazionale in materia di sicurezza della circolazione ferroviaria. Tra i compiti dell’ANSF, ci son anche quelli di rilasciare, rinnovare, modificare e revocare gli elementi che compongono i certificati e le autorizzazioni di sicurezza, controllare che ne siano soddisfatti le condizioni e i requisiti e che i gestori dell’infrastruttura e le imprese ferroviarie operino conformemente ai requisiti del diritto comunitario o nazionale. Tuttavia dai documenti di Trenitalia del 2013 si riscontrano alcune disposizioni che creano perplessità.

L’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) ha più volte, nel corso del 2013, messo in evidenza che i gestori sbagliavano nell’emanare alcune disposizioni per il recepimento delle nuove norme sulla sicurezza ferroviaria.
Tuttavia rimangono alcune perplessità ad esempio su quanto disposto da Trenitalia nell’emanare la Prefazione generale all’orario di servizio (PGOS), le Istruzioni per il Servizio del Personale di accompagnamento dei Treni (ISPAT) e le Istruzione per il servizio del personale di condotta delle locomotive (IPCL) per quanto riguarda già la denominazione.

Inoltre i provvedimenti che l’ANSF può adottare per sanzionare i gestori potrebbero avere un effetto paradossale che è il principale deterrente ad attuarli. Infatti l’ANSF può revocare i certificati di sicurezza, ma qualora esercitasse tale potere nei confronti del principale gestore italiano, Trenitalia, quasi sicuramente determinerebbe la sospensione immediata di quasi l’intero servizio ferroviario italiano e pertanto il monopolio di fatto di Trenitalia sulla rete italiana assicura la mancata applicazione delle sanzioni in caso di inadempienze.

La sicurezza Ferroviaria è un’indispensabile materia che costituisce il servizio ferroviario italiano e deve esser fatta chiarezza su ogni aspetto controverso e su ogni possibile criticità nel corretto svolgimento del servizio reso. Per questo chiediamo nell’ interrogazione parlamentare al ministro di dare risposte precise e chiare su questo argomento nell’interesse dei cittadini e dei lavoratori.