SS 275 – Incontro con ANCE – Risposta alla lettera appello alla Politica

Egregio Presidente,

facendo seguito all’invito rivoltomi per l’incontro indetto presso la CCIAA di Lecce relativo all’ammodernamento della strada statale 275 Maglie-Leuca, sono a comunicare la mia impossibilità a prendervi parte in ragione dei lavori parlamentari che mi impegnano a Roma nella medesima giornata.
Purtroppo, il breve preavviso ha impedito ogni diversa organizzazione, per questo era stato cortesemente chiesto un rinvio dell’incontro – tuttavia disatteso – nell’intendimento di offrire una attiva partecipazione della politica, come l’Associazione stessa aveva auspicato.

Si è infatti ben consapevoli della urgente esigenza di addivenire ad una rapida risoluzione delle problematiche che attengono all’opera in parola: invero, non certo ritardi sono imputabili all’attuale compagine governativa che ha finora offerto elementi fattuali per fare chiarezza sulla soluzione migliore. A confermare la tesi del MoVimento militano le determinazioni sia dell’Autorità nazionale anticorruzione che ha accertato comportamenti non conformi alla normativa e qualificato il progetto definitivo posto a base di gara non più attuale, oltre che sovradimensionato, sia quelle dell’Anas che ha disposto l’annullamento del provvedimento di aggiudicazione già adottato.

Il MoVimento, invero, fin dal più risalente impegno relativo a quest’opera, si è reso sempre partecipe e motore nelle azioni di sollecito.

Finora tuttavia scelte lontane dai bisogni dei cittadini e dalle esigenze dei territori hanno impedito un esito positivo e rapido. Unitamente a ciò anche i contenziosi promossi dalle imprese hanno contribuito ad un allungamento dei tempi.

Tempi che attualmente, sul primo lotto, risultano allineati alle previsioni. Sul secondo lotto, invece, insiste sia l’assenza di positiva sintesi fra le posizioni degli enti locali coinvolti e sia la mancanza di una progettazione definitiva. Il terzo, proposto da Anas, invece, costituisce una ipotesi nuova che smentisce la validità della sola alternativa fra due uniche soluzioni, confermando la possibilità del recupero di parte del tracciato esistente.

Su quest’ultima proposta, sia personalmente sia il MoVimento, si garantisce piena e concreta disponibilità a ragionare e lavorare, scevri da pregiudizi di sorta, ascoltando gli enti coinvolti, i cittadini e i territori, assicurando ogni necessario contributo del fare, con assunzione di responsabilità da parte di tutti i soggetti coinvolti. Individuata la soluzione migliore, ci si adopererà per il reperimento delle necessarie risorse.

Rinnovando ogni più completa disponibilità, si porgono
Distinti saluti

Roma-Lecce, 7 giugno 2019
Diego De Lorenzis

Vice Presidente
Commissione IX “Trasporti, Poste e Telecomunicazioni”
Camera dei deputati

Elezioni comunali a Lecce

Ieri sera una bella festa a Lecce con Arturo Baglivo, una squadra piena di entusiasmo e coraggio per vincere contro l’armata dei soliti noti o di loro burattini, incapaci di cambiare davvero come dimostra la mole di finte liste utili solo a rastrellare voti per portarli nei contenitori vuoti di sempre!
#VotateviAlCambiamento

Alcune riflessioni sul decreto sblocca cantieri

Le dichiarazioni di noti e stimabili professionisti, dell’ANAC e delle associazioni di categoria sul decreto sblocca cantieri inducono ad una serie di riflessioni. Intanto, va dato atto a ciascun intervento nel merito, di aver messo in luce aspetti positivi e criticità che certamente possono essere da stimolo nella discussione parlamentare del provvedimento durante le prossime settimane quando le camere affronteranno la conversione in legge del decreto.

In secondo luogo, è altrettanto evidente che il timore di possibili aspetti relativi alla corruzione e ad altri fenomeno distorsivi della concorrenza, non tiene in debita considerazione il nuovo impianto regolatorio che ha introdotto due aspetti assolutamente innovativi volti a limitare la corruzione: se per un verso, si punisce maggiormente corrotti e corruttori della PA, arrivando ad escludere ogni futura possibilità di collaborazione per chi sia riconosciuto colpevole di tali reati, dall’altro si vuole fornire ulteriori e più efficaci strumenti di indagine agli organi di polizia attraverso l’estensione della figura dell’agente sotto copertura, già previsto per altre fattispecie.

Grazie a queste novità, è stato possibile introdurre quei meccanismi di snellimento burocratico tanto attesi dagli operatori economici: tali semplificazioni porteranno inoltre l’ulteriore vantaggio di dare maggiori certezze con minori contenziosi, cioè alleggerire la giustizia amministrativa rendendo più celere la cantierizzazione delle opere.
L’intento di questo Governo è quello di semplificare realmente i procedimenti della PA e delle imprese di cui gli appalti sono parte consistente e fondamentale, riducendo molto gli adempimenti su carta ex ante, con la volontà di concentrarsi sul reale adempimento degli obblighi di legge e sulla correttezza delle procedure, con severe verifiche ex post come avviene in tanti altri Paesi. Siamo certi che gli effetti di questa rivoluzione daranno a brevissimo un impulso enorme all’economia e all’occupazione perché accelereranno i cantieri delle opere davvero utili per i cittadini.

A tale riguardo, per quanto riguarda le infrastrutture locali, occorre sottolineare che le semplificazioni introdotte produrranno grande slancio anche nella aggiudicazione e alla realizzazione del primo lotto della SS 275, che contrariamente alla narrazione di molti non è affatto bloccata: nel giro di pochi anni il Salento potrà avere un arteria sicura e scorrevole a 4 corsie fino a Tricase come da progetto unanimemente approvato.

Ferrovie turistiche: il vandalismo criminale e l’incuria della Regione

A seguito del furto nella stazione di Novoli di entrambi i radiatori dalla locomotiva BB 160, di uno dei due radiatori dalla locomotiva BB 162, di apparecchiature varie e arredi dall’automotrice Breda Ad 80 e dalla rimorchiata R 553, sono intervenuto per ribadire che il furto di componenti dai rotabili di rilevanza storica, tutelati dalla Soprintendenza e destinati a essere riqualificati in chiave turistica è un danno gravissimo ai beni storici del nostro territorio, lasciati alla mercé di tutti a causa dello stallo in Regione Puglia, che ancora non ha trovato la soluzione per la loro tutela e valorizzazione, considerato che la Regione non è riuscita ancora a trovare un accordo con la Fondazione Fs.

Nel momento in cui il Parlamento riconosce il ruolo delle associazioni museali nella legge per il turismo ferroviario, è inaccettabile assistere a queste vicende: visto che l’alto potenziale turistico dei progetti che potrebbero interessare questi quattro rotabili, chiedo con urgenza lo spostamento dei mezzi presso la stazione di Gallipoli, unica al momento ad avere caratteristiche idonee per proteggere questi beni da successivi furti perché, visto anche quanto accaduto nello scalo Trenitalia di Surbo, dobbiamo impedire che tali azioni criminali accadano nuovamente. 

I rifiuti abbandonati e le nostre responsabilità

La situazione che da giorni viene denunciata sull’abbandono dei rifiuti è frutto di molteplici fattori. Certamente in taluni casi, c’è la scarsa attenzione e impreparazione delle amministrazioni locali e dei proprietari delle strade che invece di accogliere le istanze dei cittadini come l’adozione di sistemi automatici per il tracciamento delle segnalazioni di degrado come decorourbano.it e l’uso delle “fototrappole” hanno preferito chiudersi “nel palazzo” dimostrandosi sordi alle soluzioni che avrebbero certamente facilitato a costo zero le azioni di propria competenza.

Inoltre, è innegabile talvolta la loro incapacità di negoziare con le imprese incaricate della raccolta dei rifiuti e di intraprendere virtuosamente iniziative volte a risparmiare risorse da destinare alla cura del territorio sotto la propria responsabilità, atteso che questi servizi vanno garantiti, come accade altrove, dai tributi locali che la gran parte dei cittadini paga con regolarità. Non può infatti essere avallata la tesi di scarsità delle risorse, esistendo centinaia di Comuni italiani virtuosi che riescono a trovarle attraverso una gestione parsimoniosa e oculata.

Vale allora la pena chiedersi con quale finalità i Comuni e la Provincia si fanno promotori di ricorsi nelle sedi giudiziarie per avere tariffe sulla raccolta dei rifiuti che scongiurino l’ecotassa, che senso abbia lamentarsi dei modelli turistici “mordi e fuggi”, della situazione difficile delle infrastrutture e dei servizi di trasporto, quale sia la visione che guida la fruizione consapevole del territorio con iniziative volte alla valorizzazione delle specialità enogastronomiche, dei sentieri naturalistici e delle bellezza architettoniche, se la gestione ordinaria in capo a questi enti ci consegna degrado e incuria? Questa situazione non può essere risolta con risorse straordinarie atteso che riguarda la gestione ordinaria in capo agli enti locali.

Ma le responsabilità del pubblico ovviamente non esauriscono né costituiscono un’alibi per l’inciviltà di quei cittadini che si rendono colpevoli di danneggiare la salute altrui e recare gravissimo danno e pregiudizio all’immagine, all’economia e all’ambiente del nostro territorio.
Eppure le associazioni ambientaliste si moltiplicano, l’attenzione dell’opinione pubblica in questo momento storico è altissima e non mancano i momenti di sensibilizzazione della cittadinanza, non solo negli istituti scolastici.

È evidente altresì che dalla meritoria azione di alcuni cittadini “attivi” e dall’attenzione dei mezzi di comunicazione, cui deve andare il plausa per l’energia profusa, possa venire un decisivo supporto alla risoluzione del maggiore fattore concausa del fenomeno: l’indifferenza. Denunciare immediatamente tali situazioni di compromissione e di coloro che si rendono protagonisti di comportamenti tanto pericolosi, insieme al pronto intervento di chi ha la responsabilità del ripristino dei luoghi, sono i migliori deterrenti alla diffusione di queste pratiche irresponsabili e impediscono l’accumulo nel tempo e nello spazio dei loro effetti che oggi purtroppo sono emersi in tutta la loro orrenda brutalità.

Via della Seta e i porti del Sud Italia

La Via della Seta è un tema troppo importante per essere lasciato in mano ad approssimazioni e strumentalizzazioni politiche prive di fondamento.

Proverò a fare chiarezza sulla base delle informazioni avute direttamente dal Ministero dei Trasporti. In primis, nel Memorandum of Understanding di prossima sottoscrizione tra l’Italia e la Repubblica Popolare Cinese, che esprime una convergenza generale di interessi fra le parti e la volontà di collaborazioni in diversi settori, non si fa alcun particolare riferimento a progetti portuali italiani, in particolare alcun cenno è fatto ai porti di Genova e Trieste. Dunque, è assolutamente pretestuoso e fuorviante ritenere che l’area portuale di Taranto sia penalizzata rispetto ad altri porti.
Inoltre, nel quadro della Piattaforma di connettività Eu-China, iniziativa partita nel settembre 2015 e il cui obiettivo è quello di rafforzare lo scambio di informazioni, promuovere collegamenti di trasporti, creare opportunità di cooperazione per le imprese cinesi ed europee, è prevista una lista aperta e sempre emendabile su proposta delle parti. In questa lista sono previsti progetti per i porti di Trieste e Genova. Per il porto di Taranto, invece, non è stata mai espressa la volontà di un inserimento in tale Piattaforma e pertanto, al momento, non è previsto il suo coinvolgimento. Infatti, nell’ultima missione commerciale del precedente esecutivo, nell’anno 2017, furono sottoposte proposte commerciali riguardanti i porti di Genova e Trieste, e in riferimento all’area portuale di Taranto, tale proposta non fu mai concretizzata dal precedente Governo.
Esistono quindi accordi commerciali bilaterali delle Autorità di Sistema Portuali con le parti cinesi per i progetti portuali sopra richiamati (diga foranea per Genova e progetto ferroviario Trihub per Trieste), mentre evidentemente le Autorità di Sistema Portuale di Bari e di Taranto non hanno mai avviato alcun dialogo in tal senso.
Sarebbe utile per la qualità del dibattito pubblico affrontare questi temi con serietà e informazioni puntuali invece di usare polemica sterile.
È evidente come siano completamente strumentali le accuse, rivolte a questo Governo, che invece con grande impulso e determinazione si sta adoperando per ridurre il gap infrastrutturale del Mezzogiorno.

Ciclovia turistica dell’Acquedotto Pugliese: Emiliano e Giannini accampano scuse per nascondere disinteresse e colpevoli ritardi.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha già ribadito quanto la Regione Puglia ha sottoscritto nel protocollo per cominciare la progettazione tecnico economica della ciclovia dell’acquedotto: il progetto è unico e pertanto anche l’analisi preliminare deve prevedere il percorso completo da Caposele (Av) fino a Santa Maria di Leuca (Le) e la regione capofila, cioè la Puglia, si è formalmente impegnata a Luglio 2017 a consegnare l’intera progettazione entro 180 giorni.
Dopo quasi 2 anni di colpevole ritardo, la Puglia non può consegnare nulla al Ministero dei Trasporti perché non ha completato la sua parte e non ha preteso il rispetto della scadenza neanche dalle altre 2 regioni interessate dal passaggio della ciclovia, Campania e Basilicata.

Per questo, il 15 febbraio il Ministero, ha mandato una nota alla Regione ricordando la sollecitazione della Corte dei Conti sulla rendicontazione delle risorse già erogate, cioè la consegna del progetto di fattibilità tecnico economica ed evidenziando quindi il rischio concreto di dover restituire le somme già erogate e di perdere le altre previste per gli step successivi dell’iter, cioè la progettazione definitiva, quella esecutiva e la realizzazione concreta delle opere di messa in sicurezza e di accessibilità del sentiero della condotta principale dell’acquedotto pugliese.

Non importa che la parte del progetto relativa alla Regione Puglia sia meno indietro rispetto a quanto fatto da Campania e da Basilicata.
La Regione ha anche la responsabilità di aver lasciato la progettazione delle altre porzioni a Basilicata e Campania, sapendo che il progetto è unico. Ha anche l’aggravante di non essere riuscita a coordinare il progetto in qualità di capofila? Insomma un fallimento totale: solo adesso che è stato evidenziato dal Ministero il rischio di perdere le risorse, Emiliano e Giannini si sono svegliati provando maldestramente a scaricare le proprie responsabilità ad altri.

D’altronde, il nervosismo nelle repliche scomposte di Emiliano conferma il suo imbarazzo e l’incapacità di Giannini, visto anche che non dovrebbe essere difficile interloquire con i Presidenti di Campania e Basilicata visto che entrambi sono del suo stesso partito.

Sulla base dei fatti, dunque, ribadiamo quindi le colpe della Regione Puglia che non è affatto in attesa di alcuna risposta dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e che se i pugliesi perderanno questa opportunità di sviluppo e di occupazione, sarà solo per l’incompetenza del governatore della nostra regione.

Ciclovia dell’Acquedotto pugliese: ritardi colpa della Regione Puglia

Dopo oltre 3 anni di inutile attesa il presidente Emiliano e l’assessore Giannini cercano di scaricare le proprie responsabilità su altri!

La verità è che la Regione Puglia doveva avere un ruolo di guida e ad oggi, mentre altre Regioni stanno passando alla progettazione definitiva, la nostra rimane a fare sterile polemica invece di utilizzare soldi stanziati per restituire la fruibilità a cittadini e turisti di un’opera straordinaria importanza per lo sviluppo sostenibile dei nostri territori!

È dovuta intervenire la Corte dei Conti con dei rilievi formali e il Ministero dei Trasporti minaccia giustamente di revocare i fondi a causa della inerzia e incapacità di chi amministra la nostra Regione!

Ciclovie: ritardo inaccettabile della Puglia. Rischio danno economico

Poco dopo il nostro approdo al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti abbiamo confermato lo stanziamento di 361,78 milioni di euro per la nascita del Sistema nazionale delle ciclovie turistiche (SNCT), ritenendo strategico, per il destino economico di tante aree del Paese, lo sviluppo di queste infrastrutture e della mobilità dolce.
Con stupore, tra le 10 ciclovie, quella dell’acquedotto che vede la Puglia capofila (insieme a Basilicata e Campania), per la progettazione e la realizzazione, pur avendo ricevuto i primi finanziamenti da parte del Ministero per la redazione dello studio di fattibilità tecnico-economica, latitano nella trasmissione dei progetti, nonostante numerosi solleciti inviatigli dalla competente Direzione generale del Mit, dimostrando scarsa collaborazione e profondo disinteresse per opere utili allo sviluppo della mobilità sostenibile. Opere che, per altro, porteranno certamente posti di lavoro e opportunità economiche per i territori attraversati dalle ciclovie.

I ritardi, imputabili unicamente alla Regione, potrebbero determinare importanti rilievi della Corte dei Conti, costringendo il Ministero a chiedere indietro i fondi già erogati, con il rischio di un importante danno economico per i territori interessati dalle ciclovie e questo è inaccettabile!
A dicembre 2015, per la legge di Bilancio 2016, un fronte ampio e trasversale, con un lavoro intenso del “coordinamento dal basso per la ciclovia dell’acquedotto pugliese” e il supporto mio e di altri colleghi parlamentari, riusci a smuovere il Governo di allora per far rientrare questa infrastruttura tra i finanziamenti delle prime 4 ciclovie (insieme a quelle del VenTo, del Sole e Grab).
Dopo oltre 3 anni (nel frattempo le ciclovie del SNCT sono diventate 10) ancora non si è riusciti a passare alla progettazione definitiva, come invece accaduto per il Grab.