Cosmo Bike Verona 2020

La scorsa settimana ho visitato il Cosmo Bike Show di Verona, la più importante fiera italiana dedicata alla bicicletta e alla mobilità ciclistica.

In tale occasione, sono intervenuto volentieri all’incontro di formazione organizzato dagli Esperti Promotori della Mobilità Ciclistica sulle buone pratiche che, nell’imprenditoria, nel sociale, nelle istituzioni, stanno contribuendo a promuovere la bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano, come mezzo di conoscenza e di fruizione del territorio, dato che riveste un ruolo fondamentale come strumento per vivere in maniera sostenibile.

Come ciclista, come Esperto Promotore e, soprattutto, come decisore politico e vicepresidente della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, sono perfettamente consapevole che bisogna fare ancora tanto per rendere le nostre Città dei luoghi sicuri per tutti, specialmente per le utenze più vulnerabili della strada.

Il raggiungimento di questo obiettivo passa anche dalla ridistribuzione più equa degli spazi nelle nostre Città. Dobbiamo modificare il paradigma che si è consolidato nel corso dei decenni in base al quale c’è una contrapposizione ideologica tra categorie di cittadini e secondo cui i pedoni devono occupare i pochi spazi che sono loro riservati (i marciapiedi, le piazze), i ciclisti devono muoversi esclusivamente nelle corsie ciclabili, mentre gli automobilisti hanno spazi sconfinati e possono abusare della loro “forza” invadendo gli spazi altrui e minando la sicurezza propria e altrui.
Questo tempo è passato. Nella nostra società gli utenti “forti” della strada devono rendersi responsabili della sicurezza dei più vulnerabili che non devono essere considerati ostacolo o intralcio alla circolazione.

La strada, soprattutto quella urbana deve tornare ad essere un luogo fatto per le persone e non per i mezzi, un luogo dove costruire relazioni umane, nel quale tutti gli utenti abbiano la possibilità di muoversi nel rispetto reciproco.

Chi riveste un ruolo in politica deve creare le condizioni affinchè si attui un cambiamento culturale nelle modalità di spostamento individuali. Ciò è possibile grazie a misure concrete (investimenti nella mobilità sostenibile e nelle infrastrutture) e grazie ad interventi legislativi che, per l’appunto, vanno a modificare le regole di convivenza nella strada orientando le scelte dei cittadini.

Per questo, la riforma del Codice della Strada che sarà approvata a breve, è uno strumento fondamentale per introdurre tutta una serie di best practices in ambito internazionale che però, in Italia, non sono attualmente consentite dalla normativa tra le quali la casa avanzata, le strade scolastiche, le corsie promiscue del trasporto pubblico, la distanza laterale di sicurezza nel sorpasso del ciclista su strade extraurbane.

Il nostro obiettivo è quello di creare le condizioni perché ci sia un uso più democratico, sicuro e sostenibile dello spazio stradale.

MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA: auspichiamo di votare gli emendamenti alla Camera dei Deputati la settimana prossima.

Al termine della seduta di ieri, mercoledi 29 gennaio, ho rivolto, a nome di tutte le forze politiche che hanno lavorato sul testo, alla Presidenza della Camera, l’auspicio affinché la stessa si adoperi a mantenere nel calendario dell’aula la seduta per il voto degli emendamenti relativi alle modifiche al Codice della Strada per la settimana prossima.

Ci auguriamo che la Commissione Bilancio possa ricevere in tempo dal Ministero dei Trasporti e dal Ministero dell’Economia e delle Finanze gli ulteriori elementi di integrazione richiesti per dare il parere necessario per approvare il provvedimento alla Camera dei Deputati.

L’Italia aspetta da anni queste innovazioni del Codice della Strada con le quali dare impulso alla mobilità sostenibile, alla tutela ambientale e della utenza vulnerabile attraverso le strade scolastiche, le zone 30 e i parcheggi rosa.

Le novità sono davvero tante. Ci siamo quasi.

Rivedi il mio intervento Alla Camera

NUOVO CODICE DELLA STRADA: faremo di tutto per votare gli emendamenti alla Camera dei Deputati la settimana prossima.

MODIFICHE AL CODICE DELLA STRADA: auspichiamo di votare gli emendamenti alla Camera dei Deputati la settimana prossima.Al termine della seduta odierna, ho rivolto, a nome di tutte le forze politiche che hanno lavorato sul testo, alla Presidenza della Camera, l'auspicio affinché la stessa si adoperi a mantenere nel calendario dell'aula la seduta per il voto degli emendamenti relativi alle modifiche al Codice della Strada per la settimana prossima.Ci auguriamo che la Commissione Bilancio possa ricevere in tempo dal Ministero dei Trasporti e dal Ministero dell'Economia e delle Finanze gli ulteriori elementi di integrazione richiesti per dare il parere necessario per approvare il provvedimento alla Camera dei Deputati.L'Italia aspetta da anni queste innovazioni del Codice della Strada con le quali dare impulso alla mobilità sostenibile, alla tutela ambientale e della utenza vulnerabile attraverso le strade scolastiche, le zone 30 e i parcheggi rosa. Le novità sono davvero tante.Ci siamo quasi.

Publiée par Diego De Lorenzis sur Mercredi 29 janvier 2020

Intervista ad Affari Italiani sul Codice della Strada

La mia intervista su Affari Italiani relativamente al codice della strada.

Per chi è stata pensata questa riforma?

“La riforma del Codice della Strada mira a garantire maggiore sicurezza agli utenti della strada, in particolare gli utenti vulnerabili – ossia persone con disabilità, ciclisti e pedoni -, a incentivare modelli di mobilità sostenibile e snellire le procedure burocratiche. Ad esempio, a favore delle persone con disabilità prevediamo il parcheggio gratis sulle strisce blu quando gli stalli riservati sono occupati e l’inasprimento delle sanzioni per chi parcheggia davanti agli scivoli o nel posto dei disabili. Inserita poi la possibilità, per i Comuni, di predisporre “parcheggi rosa” riservati alle donne in gravidanza o con figli fino a 2 anni. Massima tutela anche per i pedoni, con una nuova segnaletica stradale e, soprattutto, con l’obbligo per gli automobilisti di dare loro la precedenza anche se si trovano in prossimità dell’attraversamento pedonale. La sicurezza stradale parte, in primis, dalle nostre azioni: tutti siamo chiamati ad una maggiore responsabilità, sia che ci troviamo alla guida di un’automobile, sia che circoliamo in bici o a piedi”. 

Altre misure importanti?

“Ci sono diverse norme che, finalmente, ci consentono di metterci al paro con gli altri Paesi europei. Sempre in tema di sicurezza stradale, ad esempio, assume una grande importanza l’introduzione nel codice delle zone scolastiche, con obbligo per i Comuni di istituire limitazioni del traffico nelle strade di fronte agli edifici scolastici, negli orari di entrata e uscita da scuola. Abbiamo poi previsto sanzioni molto pesanti, che arrivano alla sospensione della patente fino a 3 mesi, per chi usa lo smartphone o altri dispositivi elettronici alla guida per funzionalità diverse dalle chiamate in vivavoce o con auricolari. Molto diffuso infatti è l’utilizzo del cellulare per chattare, scattare o postare foto sui social network, e già tra le maggiori cause di incidentalità. Inoltre, abbiamo previsto misure per garantire la massima trasparenza sui proventi delle multe e, in termini di semplificazione burocratica, procedure più snelle per gli utenti e per le forze dell’ordine in caso di controllo della documentazione di guida, che potrà avvenire per via telematica. Come anche la verifica dei punti della patente o il ricorso al prefetto. Tra le misure inserite, anche quella che vieta il servizio di piazza alle carrozze trainate da cavalli, con la possibilità di riconvertire le licenze in altri titoli autorizzativi. Si tutela così, al contempo, la sicurezza stradale, la salute degli animali e l’occupazione”.

Cosa è stato fatto per la mobilità sostenibile?

“Una delle stelle del Movimento simboleggia i trasporti e tra le nostre battaglie storiche c’è proprio quella a favore della mobilità sostenibile. Ecco perché il nuovo Codice della strada per noi si fonda su due principi fondamentali: più sicurezza e mobilità sostenibile in città. Ad esempio, per incentivare l’uso delle bici diamo la possibilità ai Comuni di istituire, agli incroci semaforici, delle linee di arresto avanzate per i ciclisti rispetto agli altri veicoli. In questo modo risulteranno più visibili a tutti e quindi più sicuri. Inoltre le amministrazioni adesso potranno consentire la circolazione delle bici anche nelle corsie preferenziali riservate al trasporto pubblico locale e viene introdotto l’obbligo per tutti i veicoli di mantenere una distanza di sicurezza laterale durante il sorpasso delle biciclette in ambito extraurbano. Tutto questo, ovviamente, fa parte di un lavoro più ampio che stiamo portando avanti di pari passo con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in favore di una mobilità sostenibile, moderna e in linea con molti Paesi europei, nel quale rientra l’ecobonus, che attraverso gli incentivi, promuove l’acquisto di autovetture, motocicli e ciclomotori, e ha favorito la crescita delle immatricolazioni di vetture elettriche, arrivate a segnare nel primo semestre dell’anno un +120% rispetto allo stesso periodo del 2018. In questo solco si inserisce anche il progetto sperimentale avviato dal Mit sui dispositivi di mobilità elettrica e a propulsione elettrica, monopattini, segway e hoverboard”.

Nuovo Codice della strada: licenziato il testo

Sono stati mesi intensi di lavoro, di confronto serrato con stakeholder e i gruppi parlamentari e finalmente oggi abbiamo licenziato il testo delle modifiche al codice della strada.

Riporto di seguito alcune delle proposte contenute nel testo che a breve arriverà in aula (appena dopo il parere delle altre commissioni); probabilmente ho dimenticato qualcosa e certamente molti di voi avranno ulteriori suggerimenti, ma non mi sembra affatto poco:

  1. sono istituite le strade scolastiche, cioè l’istituzione di zone a traffico o velocità limitato o aree pedonali nei pressi degli edifici scolastici, almeno negli orari di ingresso e di uscita degli alunni;
  2. sono raddoppiate le sanzioni per chi occupa abusivamente lo stallo di sosta riservato ai disabili;
  3. si obbliga l’adozione delle cinture di sicurezza sugli scuolabus;
  4. sono inasprite le sanzioni per chi non si ferma ai passaggi a livello;
  5. è consentita la circolazione in autostrada e in strade extraurbane principale delle moto elettriche;
  6. è consentita la circolazione in autostrada e in strade extraurbane principale dei motocicli 125 cc purché il conducente sia maggiorenne e in possesso di patente “superiore”;
  7. per la biciclette viene inserita la possibilità di prevedere la “casa avanzata” in prossimità dei semafori e l’obbligo del rispetto di distanza laterale di 1,5 metri dalle bici in fase di sorpasso;
  8. sarà possibile chiedere il duplicato di targhe deteriorate, senza essere costretti a re-immatricolare il veicolo;
  9. viene estesa da 6 mesi ad 1 anno la validità del foglio rosa, così da poter sostenere fino a tre prove di esame per la patente;
  10. viene eliminato il divieto per i neopatentati di guidare veicoli con rapporto tara/potenza basso purché accompagnati da altro conducente “esperto”;
  11. viene consentita, su autorizzazione del Comune, la circolazione delle bici nelle corsie del trasporto pubblico e in doppio senso ciclabile in alcune strade;
  12. sono chiariti i poteri di verifica e accertamento della sosta, previa nomina personale e corso di formazione, attribuiti agli ausiliari della sosta e ai dipendenti delle società di trasporto pubblico, nelle aree di affidamento;
  13. è effettuato entro 20 gg il collaudo dei veicoli adibiti per la guida dei disabili
  14. si modifica la norma sulle revisioni semplificando le procedure (per veicoli merci, per taxi/ncc, per gancio traino e bombole gpl…);
  15. sono consentiti i rimorchi anche per i motoveicoli;
  16. si semplifica l’uso degli stalli di sosta per i veicoli in condivisione pubblica;
  17. viene eliminato l’uso del traino delle carrozze con cavalli per i servizi di piazza;
  18. vengono normati messaggi di sensibilizzazione sociale per il corretto uso degli stalli di sosta riservati a disabili e alle donne in dolce attesa e neomamme;
  19. si attribuisce responsabilità ai conducenti delle auto e di moto e ciclomotori per i trasportati relativamente all’uso delle cinture e del casco, rispettivamente;
  20. è consentito l’uso di targhe speciali per le competizioni sportive;
  21. si regolamenta l’uso della pubblicità nelle rotatorie;
  22. si limita l’ingresso delle auto elettriche nelle ztl limitatamente a quelle istituite per finalità ambientali;
  23. sono inserite le definizioni delle strade a basso traffico;
  24. si elimina il divieto di usare bici elettriche azionate fino a 6km/h da un pulsante;
  25. si definisce meglio la responsabilità per la sistemazione delle bici sul portabici anteriore a sbalzo degli autobus;
  26. viene diminuita la sanzione minima in caso di perdita del ricorso al prefetto (dal doppio ad una volta e mezzo il valore inferiore della multa);
  27. viene favorita la compravendita dei piccoli veicoli agricoli anche per chi è privo di partita iva;
  28. è eliminato l’obbligo di esibire patente e libretto e altra documentazione verificabile in via telematica;
  29. viene semplificato l’obbligo di fornire i dati del conducente in caso in cui la violazione sia commessa dal proprietario
  30. vengono rese più stringenti le norme per il trasporto eccezionale.

Ovviamente ci sono un paio di misure che personalmente non condivido (l’obbligo dell’uso del casco per i minori di 12 anni e la necessità del preavviso di notifica per le violazioni della sosta) però tutto sommato mi sembra un bel cambiamento!

Ringrazio tutti i colleghi M5S della mia commissione e le tante persone incontrate in questi mesi per i suggerimenti e le critiche anche feroci ma serie e motivate sul provvedimento.

Codice della Strada: continuiamo a lavorarci

Dopo mesi di lavoro sul Codice Della Strada oggi sono stati presentati dai relatori i pareri anche sugli articoli rimanenti da 4 al 9 e le contestuali riformulazioni per quegli emendamenti delle opposizioni che riteniamo di poter accogliere, sebbene con un testo diverso. Tra questi è stato riformulato anche l’emendamento del collega del Pd, on. Gariglio, che riprende in sostanza quanto acquisito nelle audizioni dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Crediamo che l’epoca della sosta selvaggia debba finire e che sulla strada ci voglia rispetto reciproco tra le persone: gli enti locali devono poter agire con trasparenza contro coloro che non rispettano le regole, come confermato anche da una giurisprudenza sedimentata sebbene non sempre univoca. Come ribadito anche in altre occasioni, è unanime per tutti i gruppi parlamentari la necessità di stabilire con chiarezza le funzioni da attribuire agli ausiliari della sosta e al personale delle aziende del trasporto pubblico, nel quadro di una mobilità urbana profondamente rinnovata negli ultimi decenni, certamente diversa da quando la legge Bassanini è stata approvata.

Atteso che tali funzioni verranno conferite in maniera nominale dal Sindaco come peraltro già avviene per dipendenti del Comune e personale di società private come Anas e Trenitalia, e considerato che i vigili urbani oggi sono impegnati in altri compiti certamente più gravosi (manifestazioni, incidenti stradali, verifica residenze, verifiche attività commerciali,…), abbiamo ritenuto assurdo che essi non possano essere coadiuvati nelle funzioni di verifica e accertamento delle violazioni relative alla sosta dagli ausiliari prevedendo in maniera esplicita l’intervento di questi ultimi anche al di fuori delle aree a pagamento. Può un’auto in sosta sulle strisce pedonali, su un marciapiede, su uno scivolo disabili, su una pista ciclabile, al centro della carreggiata, in prossimità di una intersezione non creare danno ad altri cittadini pur “rubando” spazio pubblico riservato ad altri? Ovviamente no, altrimenti non esisterebbero le regole che consentono una civile convivenza. Un veicolo parcheggiato in maniera non corretta crea intralcio o pericolo per altri utenti della strada: poco importa che siano veicoli della medesima categoria o peggio siano utenti più deboli come ciclisti e pedoni (inclusi anziani, disabili e bambini!).

Tutto il provvedimento rispecchia la volontà del Governo e della maggioranza di dare segnali tangibili per il miglioramento della sicurezza stradale e va valutato nel suo complesso, considerato che abbiamo riflettuto con la massima attenzione su ogni contributo che i parlamentari e tutti gli attori coinvolti hanno fornito, accogliendo ove possibile tutte le sollecitazioni pervenute in un clima di massima collaborazione e disponibilità al dialogo.

Vogliamo rendere le nostre città più vivibili e dare alternative comode ed economiche agli spostamenti urbani, perseguendo al contempo l’obiettivo di pretendere il rispetto delle regole condivise da parte di tutti i cittadini, indipendentemente dal veicolo che usano. Su questi temi, come testimonia la richiesta dei sindaci di ogni colore politico non si può fare una battaglia ideologica, adducendo strumentalmente l’alibi della multa selvaggia per giustificare ancora la #SostaSelvaggia.

Modifiche al Codice Della Strada

Nel testo unificato approvato martedì all’unanimità dalla Commissione IX Trasporti della Camera dei Deputati ci sono tante proposte sulla mobilità attiva. Tra queste meritano di essere ricordate le 4 che cambieranno gli spostamenti urbani, contribuendo a spostare quote modali dalle auto private alla bicicletta.

1 – Casa avanzata: è una assoluta innovazione nel nostro ordinamento; uno spazio riservato davanti al flusso automobilistico negli incroci semaforizzati.
Presenta due indubbi vantaggi: evita che i ciclisti respirino gas di scarico e soprattutto li rende visibili, consentendo loro di attraversare o svoltare (a sx e a dx) in piena sicurezza.
Ovviamente, è discrezione delle amministrazioni adottare questa misura e scegliere in quali intersezioni con semaforo sia utile avere questa zona di salvaguardia (dipende dal flusso veicolare, dal numero di ciclisti, dalla complessità dell’intersezione,…).

2 – Uso promiscuo delle corsie/strade riservate al trasporto pubblico: con questa norma si riconosce la correttezza di una misura già adottata da tante amministrazioni locali (da Palermo a Bolzano) e si vincono le resistenze di assessori e dirigenti comunali che ancora sono ritrosi a introdurre questa soluzione, per rendere più sicura la circolazione dei ciclisti.
Risponde a due esigenze: evitare che in talune situazioni (corsia riservata del tpl sulla destra della carreggiata), il ciclista sia in mezzo a due correnti di traffico motorizzato (auto a sx e bus a dx) e, in secondo luogo, permettere di sfruttare il percorso del tpl per completare itinerari ciclabili più diretti e veloci.
Anch’essa è una misura a discrezione dell’ente locale che valuterà se adottarla, di concerto con l’azienda di trasporto pubblico locale, in funzione delle frequenze dei mezzi pubblici, del numero di ciclisti, della posizione e ampiezza della corsia nella carreggiata, la presenza di taxi/ncc e più in generale delle condizioni di sicurezza.

3 – Moderazione traffico nelle “strade scolastiche”: i sindaci sono obbligati entro un anno, in prossimità degli edifici scolastici, ad adottare una misura di “traffic calming” (pedonalizzazione, zone 30 o ztl) almeno negli orari di ingresso e uscita degli alunni/studenti. Anche questa è una misura “europea” di buon senso che cerca di ripristinare condizioni di normalità in cui viene privilegiata la mobilità attiva (a piedi e in bicicletta) e attraverso quest’ultima promuove l’autonomia degli alunni e la tranquillità dei genitori, aumentando vivibilità del contesto urbano, liberandolo da congestione, smog e rischio di incidentalità.

4 – Distanza laterale di sicurezza di almeno 1,5 metri durante il sorpasso delle biciclette in ambito extraurbano: anche tale intervento è una assoluta innovazione e ci allinea ai Paesi europei (Francia, Spagna, Germania,…) e del mondo che riconoscono uno spazio vitale di rispetto del ciclista, non più percepito come intralcio, ma come legittimo fruitore della strada con pari dignità di quella dell’utenza motorizzata. È un intervento con risvolti pratici nella misura in cui si modificano culturalmente atteggiamenti e comportamenti che diano maggiore attenzione verso l’utenza più vulnerabile, cui pertanto deve essere assicurata l’incolumità con l’assunzione di responsabilità della componente motorizzata del traffico stradale.

Conferenza stampa sulle modifiche al Codice della strada

Sempre più Sicuri In Città!

Le proposte di modifica al Codice della strada targate MoVimento 5 Stelle.
Rivedi la Camera la conferenza stampa dei deputati della commissione Trasporti.

Sempre più #SicuriInCittà! Le proposte di modifica al Codice della strada targate MoVimento 5 Stelle.In diretta dalla Camera la conferenza stampa dei deputati della commissione Trasporti. Collegatevi!

Publiée par MoVimento 5 Stelle Camera sur Mercredi 15 mai 2019

Sicurezza stradale, M5S: con nostre modifiche al codice, tuteliamo utengi più a rischio

Parte oggi la settimana Onu della sicurezza stradale. Nel nostro Paese ogni anno si registrano oltre 3.000 morti per incidenti stradali: ecco perché con le nostre modifiche al Codice della Strada stiamo mettendo al centro la sicurezza delle persone, dando priorità agli utenti della strada più a rischio.

Prevediamo sanzioni più severe per chi si mette alla guida dopo aver assunto alcol o droghe, e anche per chi usa lo smartphone alla guida, senza vivavoce e auricolari. La distrazione alla guida infatti, è tra le prime tre cause di incidentalità nel nostro Paese e l’uso dello smartphone è tra i comportamenti, purtroppo, in maggiore crescita. Nuove regole poi prevedono l’adeguamento con strumenti di guida assistita per i veicoli del trasporto merci.

Particolare attenzione sarà rivolta agli utenti più vulnerabili, come pedoni e ciclisti: in particolare per questi ultimi i sindaci potranno introdurre le cosiddette linee di arresto avanzate agli incroci, in modo che i ciclisti urbani possano fermarsi in posizione avanzata davanti a tutti gli veicoli, permettendo loro di essere più visibili e attraversare l’intersezione semaforica in sicurezza. Una buona pratica europea che finalmente entra nel nostro codice.

Proposta di legge delega di riforma del Codice della Strada

Il nostro codice della strada è stato varato nel 1992. Nel frattempo sono intervenute sentenze giurisprudenziali, innovazioni tecniche e tecnologiche, nonché mutamenti profondi nella società e nei comportamenti delle persone.
Il codice è così incentrato sull’uso dell’auto privata da non contemplare la mobilità in condivisione (car sharing e bike sharing, car pooling) e non prevede neanche i dispositivi di mobilità personale come i monopattini elettrici, gli attraversamenti pedonali luminosi.

I correttivi in questi 27 anni sono stati numerosi, ma non sempre hanno contemplato tutte le modifiche necessarie. D’altra parte, i cambiamenti apportati si sono stratificati rendendo a volte l’intero corpo normativo incoerente.
E’ necessario quindi rivedere l’intero impianto del codice della strada per semplificarlo, renderlo facilmente comprensibile e armonico. Bisogna anche sfoltire le norme contenute eliminando quelle superflue e lasciando a decreti e regolamenti di secondo livello molti dei dettagli tecnici. Questo permetterà una revisione agevole e rapida al passo con l’evoluzione delle tecnologie.

Con questa legge, individuiamo i criteri con cui delegare il Governo a scrivere un codice della strada a prova di futuro.
Solo in questo modo sarà possibile avere delle buone regole che siano aggiornate e valide per i prossimi 30 anni.
Aspetto il vostro contributo su Rousseau.

Intervista a TTS Italia sul Nuovo Codice della Strada

Qualche settimana fa ho rilasciato questa intervista sul ruolo delle tecnologie digitali nella mobilità e nei trasporti con riguardo anche alla sicurezza stradale e alle modifiche in discussione in queste settimane al codice della strada. Buona lettura.

De Lorenzis: “Digitale e tecnologie in aiuto alla sicurezza stradale. La nostra mobilità diventi veramente intermodale: car sharing, bici e pattini nel Codice della strada”

“Maggiore severità per chi usa lo smartphone alla guida, digitale in aiuto alla sicurezza stradale e nuove forme di mobilità sostenibile tra cui posti riservati al car pooling e sharing, regolamentazione dell’uso di pattini elettrici e hoverboard”. Sono queste le proposte più importanti secondo Diego De Lorenzis, relatore del pacchetto di provvedimenti attualmente all’esame di Montecitorio per il restyling del Codice della Strada. Il Vicepresidente della Commissione Trasporti della Camera in questa intervista a TTS Italia dice anche “l’Italia deve contare su una reale intermodalità sia per i passeggeri che per le merci”.

La Commissione Trasporti della Camera ha cominciato l’esame di una serie di ddl che propongono modifiche al codice della strada. Quali sono le maggiori novità proposte?

Le proposte avanzate dai gruppi parlamentari affrontano temi molto diversi essendo il codice della strada una materia molto ampia. Ci sono certamente temi divisivi e altri su cui si può trovare larga condivisione; a tal proposito credo che una maggiore severità sull’uso degli smartphone e più trasparenza sui proventi delle sanzioni per la violazione delle norme del codice, la promozione verso nuove forme di mobilità sostenibile sono esempi di misure che potrebbero trovare l’unanimità del Parlamento. Ne sono previste tante altre su cui ci sarà un confronto ampio che prevede un ciclo di audizioni molto approfondito per recepire anche sollecitazioni e istanze ancora non ricomprese tra le proposte di iniziativa parlamentare. Il tema della sicurezza stradale è quello su cui c’è maggiore sensibilità, senza dimenticare la necessità di includere quelle soluzioni tecnologiche che le recenti innovazioni del digitale hanno comportato nei trasporti.

La circolazione su strada avrebbe bisogno di regole più snelle, mentre le tecnologie potrebbero supportare maggiormente la sicurezza di automobilisti e autisti. Che ne pensa?

La tecnologia ha senza dubbio avuto un impatto notevole su due fattori che incidono sulla sicurezza stradale: il veicolo e l’infrastruttura. Il fattore umano, i comportamenti degli utenti della strada, rimane la variabile che può ancora determinare una diminuzione considerevole della incidentalità stradale. Un insieme di regole più semplici certamente rendono la loro applicazione più immediata evitando lungaggini e incertezze, perché la stratificazione normativa e giuridica non aiuta la correttezza dei comportamenti e la certezza delle sanzioni in caso di violazione. C’è poi un tema di sensibilizzazione dell’opinione pubblica per attivare quel cambiamento culturale indispensabile se vogliamo raggiungere l’obiettivo di avere zero vittime sulla strada, atteso che nel 2017 sono state 3.378 ed è un numero inaccettabile.

Il codice della strada andrà aggiornato anche in vista di una nuova concezione degli spostamenti. Come vede in Italia l’evoluzione del concetto di mobility as a service che sta andando per la maggiore in Europa e nel mondo?

È evidente che il passaggio dalla proprietà alla condivisione, dall’uso esclusivo al servizio, è un modello più efficiente di usare le risorse, intese non solo come utilizzo dell’energia impiegata per muovere i veicoli ma anche e soprattutto in relazione allo spazio urbano, ai tempi di percorrenza e all’economicità dei tragitti. Questa tendenza, che in Italia fatica ancora ad affermarsi, è un fenomeno esponenziale che diventerà dirompente nel breve periodo. Tale mutamento delle nostre abitudini e dei contesti urbani va governato e agevolato, promuovendo quelle norme ancora non previste nel nostro codice. Solo a titolo di esempio, l’ordinamento non prevede la possibilità per gli enti locali di riservare degli spazi alle auto in condivisione o non regolamenta ancora l’impiego dei dispositivi di mobilità personale come i pattini elettrici e gli hoverboard che oggi insieme alla mobilità pedonale, ciclistica e al trasporto pubblico sono componenti essenziali per garantire minor congestione attraverso una reale intermodalità.

Quali sono secondo Lei le azioni da mettere in campo per rafforzare la diffusione della smart mobility?

Bisogna agire su più fronti, magari prendendo spunto dalle migliori pratiche europee: le istituzioni pubbliche devono creare, attraverso la regolamentazione e risorse adeguate, il contesto per favorire e agevolare la trasformazione, aiutando la cittadinanza e le imprese a ridurre gli impatti del cambiamento che possono essere percepiti negativamente. La tecnologia però non può essere l’unico elemento su cui puntare, perché non sarà sufficiente la guida autonoma o l’alimentazione elettrica per avere città belle, sicure, decongestionate dal traffico. È indispensabile ridurre il tasso di motorizzazione, attuando una dieta del traffico per poter impiegare lo spazio pubblico in maniera più democratica: è necessario dare attenzione e dignità a quelle modalità che oggi spesso sono trascurate dalle amministrazioni come dal codice, per esempio la mobilità ciclistica atteso che un aumento dei ciclisti rende la città più sicura per tutte le categorie di utenti vulnerabili dai motociclisti agli anziani, dai pedoni ai disabili.

Si parla spesso dell’Italia come una piattaforma logistica naturale. Quali sono secondo Lei le misure da mettere in campo per supportare l’efficienza del trasporto delle merci?

Le indicazioni provengono certamente dalle associazioni di categoria  in un dialogo aperto e trasparente tra tutti i portatori di interesse della catena logistica: ci sono certamente interventi infrastrutturali per adeguare i binari ferroviari, i porti e gli interporti al treno europeo, e per garantire l’intermodalità reale e conveniente; altresì bisogna migliorare le operazioni di sdoganamento garantendo certezza dei tempi, orientare gradualmente le risorse dalla gomma alle altre modalità più sostenibili sulla lunga distanza e procedere anche ad un miglioramento delle condizioni del sistema per competere, come per esempio l’abolizione dell’obbligo del doppio macchinista sul trasporto ferroviario merci. Questo deve avvenire con un confronto costante, una pianificazione delle risorse chiara sia sulla parte di investimenti sia sulla manutenzione e l’efficientamento dell’esistente. 

Infine, questo governo è molto impegnato sul fronte della blockchain e intelligenza artificiale. Come è possibile secondo Lei accompagnare lo sviluppo di queste tecnologie nei trasporti?

Le modalità in cui la regolamentazione della tecnologia abiliterà nuove opportunità, migliorando i processi e aprendo a nuove occasioni sono praticamente innumerevoli e ancora tutte da scoprire benché alcune abbiano cominciato ad affacciarsi come sperimentazione e prototipazione. Per una volta il nostro Paese è finalmente all’avanguardia in Europa e questo deve porci in una condizione di leadership e di attrazione degli investimenti. Questo non solo mi rende infinitamente orgoglioso, ma assolutamente fiducioso in un cambiamento radicale dell’approccio che il regolatore, le istituzioni pubbliche, hanno verso la tecnologia e l’innovazione.