Legge Ferrovie Turistiche: grandi vantaggi, seguiamo Best Practices UE

Esprimo la massima soddisfazione per il via libera dato al Senato alla nostra proposta di Legge a favore delle ferrovie turistiche. Una norma importante ed urgente, che permette di dare continuità all’attività delle reti ferroviarie isolate a scopo turistico, con grandi vantaggi per il settore e per i territori.

Tra i risultati più immediati, sicuramente il salvataggio della stagione del Trenino Verde in Sardegna, grazie alla possibilità concessa alla società Arst, pur non essendo impresa ferroviaria, di continuare a gestire il servizio turistico sulle reti ferroviarie isolate della Sardegna. Grazie a un mio emendamento inoltre, è stato riconosciuto un ruolo fondamentale e innovativo alle associazioni con un ruolo attivo nella gestione di questa tipologia dei servizi. Soggetti diversi dalle imprese ferroviarie e dalle aziende di trasporto pubblico regionale, come musei ferroviari e associazioni, potranno ora erogare il servizio di trasporto turistico purché sotto la responsabilità di imprese ferroviarie e aziende di tpl in possesso di certificato di sicurezza o altro titolo idoneo di servizio. Diamo così, finalmente, la possibilità alle ferrovie turistiche italiane di ottenere i risultati conseguiti da altri Paesi Ue.

La legge non si applicherà quindi solo alle linee della rete nazionale e a quelle ad essa interconnesse ma anche a quelle isolate dove la gestione del trasporto è affidata alle società di trasporto pubblico locale o regionale.

 

Ferrovie turistiche: il vandalismo criminale e l’incuria della Regione

A seguito del furto nella stazione di Novoli di entrambi i radiatori dalla locomotiva BB 160, di uno dei due radiatori dalla locomotiva BB 162, di apparecchiature varie e arredi dall’automotrice Breda Ad 80 e dalla rimorchiata R 553, sono intervenuto per ribadire che il furto di componenti dai rotabili di rilevanza storica, tutelati dalla Soprintendenza e destinati a essere riqualificati in chiave turistica è un danno gravissimo ai beni storici del nostro territorio, lasciati alla mercé di tutti a causa dello stallo in Regione Puglia, che ancora non ha trovato la soluzione per la loro tutela e valorizzazione, considerato che la Regione non è riuscita ancora a trovare un accordo con la Fondazione Fs.

Nel momento in cui il Parlamento riconosce il ruolo delle associazioni museali nella legge per il turismo ferroviario, è inaccettabile assistere a queste vicende: visto che l’alto potenziale turistico dei progetti che potrebbero interessare questi quattro rotabili, chiedo con urgenza lo spostamento dei mezzi presso la stazione di Gallipoli, unica al momento ad avere caratteristiche idonee per proteggere questi beni da successivi furti perché, visto anche quanto accaduto nello scalo Trenitalia di Surbo, dobbiamo impedire che tali azioni criminali accadano nuovamente. 

Ferrovie Turistiche del Circummarpiccolo: opportunità da cogliere.

Un progetto dell’AMAT del 2008 prevede diverse ipotesi per recuperare l’attuale tratta ferroviaria abbandonata. Il M5S Taranto ha inserito nel proprio programma il recupero di tale collegamento in ottica turistica valutando anche l’ipotesi di una velorail. Recentemente anche le associazioni FIAB, Rotaie di Puglia e WWF hanno rilanciato la proposta di recupero.

La possibilità esiste ed è concreta: recuperare la ferrovia sulla Circumarpiccolo per fini turistici. Bisogna avere la volontà politica di rilanciare sul territorio jonico le attività sostenibili: Taranto ha tutte le condizioni per cogliere questa occasione: la politica locale, anche regionale, si è fatta sempre scappare per incapacità o mancanza di visione, ogni occasione! Ora, Emiliano e il sindaco di Taranto Melucci perseguano con convinzione la valorizzazione di questa infrastruttura e dimostrino di non essere coloro che dicono NO.

Vélo-rail à Dunières.

La ferrovia sulla Circummarpiccolo si presta a tante alternative progettuali: potrebbe essere usata con il “velorail” oppure realizzare, in affiancamento, un percorso ciclabile che faccia coincidere la ciclovia francigena, il prolungamento della ciclovia della Magna Grecia e la ciclovia dei tre mari. Valorizzare questo tracciato permetterebbe di visitare l’affascinante foce del fiume Galeso, i due 2 Siti di Interesse Comunitario “Battendieri” e “Mar Piccolo”, l’incantevole oasi regionale palude “la vela” per poi arrivare alla pineta Cimino.

Vogliamo che questi progetti virtuosi si realizzino invertendo la rotta intrapresa anche dall’attuale amministrazione Comunale di Taranto in continuità con quelle precedenti: gli evidenti errori in occasione della settimana europea della mobilità hanno portato soltanto malcontento nei cittadini. Speriamo che il PD non sprechi l’ennesima possibilità di dimostrare che Taranto può avere un futuro diverso!

Legge sulle ferrovie turistiche: da approvate subito anche in Senato!

Ho considerato fin da subito importante l’iniziativa di adottare una disciplina sulle ferrovie turistiche recuperando le linee in disuso o in corso di dismissione proprio perché al momento manca una regolamentazione specifica del settore che invece può esser preziosa specie per le aree di particolare pregio naturalistico e archeologico.

Per questo come M5S abbiamo collaborato positivamente ai lavori indicando tutti gli elementi di miglioramento del testo che pur ci sono ancora.

Rispetto al testo originario, infatti, abbiamo contribuito a ottenere buoni risultati, come per esempio:

-il riferimento nel testo anche alle reti regionali;

-un meccanismo snello di aggiornamento;

-il coinvolgimento della società civile e delle associazioni;

-un ruolo capofila della Fondazione delle Ferrovie dello Stato Italiane per la sua riconosciuta esperienza

-una richiesta di regolamentazione semplificata delle norme per classificare il materiale rotabile e le tratte adeguate;

-un soggetto unico, il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture o la Regione, che sovrintende a tutte le richieste di autorizzazione

-la possibilità di valorizzarle anche mediante l’uso del velorail (dei piccoli carri a pedalata simili a risciò su binari)

Ora questo lavoro non si può fermare e perdere nelle paludi nei lavori parlamentari! Il testo approvato dalla Camera dei Deputati è all’esame dell’altro ramo del Parlamento Italiani, il Senato della Repubblica. Qui, il M5S ha chiesto, insieme ad altri gruppi, di procedere alla discussione e al voto nella Commissione competente (senza l’ulteriore passaggio in aula al Senato). Ci siamo impegnati a non presentare ulteriori modifiche (perché se il testo viene modificato, tali modifiche ripassano al vaglio della Camera dei Deputati) per poter approvare la legge prima di nuove elezioni! Speriamo che il PD e le altre forze politiche non intralcino l’iter di approvazione e lo portino a conclusione immediatamente!