Software libero nelle pubbliche amministrazioni: inaccettabile non avere informazioni!

Share Button

E’ gravissimo che ad oggi non abbiamo alcuna informazione su quali e quante sono le amministrazioni che ricorrono al software libero! Tanto meno il Governo ha intrapreso iniziative per quelle che hanno violato quanto imposto dalla legge!

L’adozione del software libero consentirebbe alle amministrazioni di risparmiare milioni di euro che oggi servono per acquistare le licenze di prodotti proprietari e di investire tali risorse in aziende locali per la formazione e il supporto tecnico eventualmente necessario per la migrazione verso il software libero. Tranne pochissime eccezioni che devono essere motivate, nella gran parte delle scuole, degli uffici degli enti locali e delle altre istituzioni, l’adozione di sistemi operativi e applicazioni alternativi ai costosi software proprietari sarebbe già dovuta avvenire immediatamente anni fa! 

I vantaggi del software libero sono numerosi e dovrebbe essere adottato con sistematicità dalle amministrazioni.

Per questo ho chiesto al Governo di rendere pubblici i dati aggiornati relativi all’uso del software libero da parte delle pubbliche amministrazioni, ammesso che esistano, e di chiarire come intende completare la migrazione delle altre amministrazioni ancora in difetto perché non è possibile tollerare oltremodo lo sperpero di risorse pubbliche per incapacità o collusione della politica!

Share Button