Sicurezza Stradale sulla 274

Share Button

Oggi si torna a parlare di sicurezza delle strade e leggere di una petizione dei Sindaci per chiedere ad Anas maggiore sicurezza attraverso un ampliamento della infrastruttura senza alcuna valutazione di merito appare abbastanza velleitario.

Vorrei sgombrare la discussione da un equivoco. L’ammodernamento infrastrutturale possono contribuire sinergicamente all’obiettivo zero vittime sulla strada, se i comportamenti alla guida sono corretti. Nessuna norma infatti può impedire collisioni tra veicoli anche sulle strade con i più recenti standard di sicurezza senza il rispetto delle regole.

Per richiedere degli interventi, quindi è imprescindibile avere elementi concreti dagli accertamenti sulla dinamica di quanto accaduto, in questo e negli altri scontri tra veicoli.

Infatti, pur comprendendo la richiesta di miglioramenti che certamente possono contribuire ad elevare i livelli di sicurezza e prescindendo dal caso specifico, credo sia opportuno una riflessione profonda sul modello culturale che tende a sottovalutare la manutenzione dei veicoli e di comportamenti rischiosi dei conducenti come l’eccesso di velocità o il mancato rispetto delle regole che inducono a imprudenza o imperizia.

Con profondo rispetto per le vittime, proprio per la delicatezza che dobbiamo ai loro parenti, credo che ogni ricetta sbrigativa e partorita sull’onda emotiva non giovi.

Le statistiche dicono che il 75% degli incidenti avviene in ambito urbano, che i pedoni abbiano un tasso di mortalità oltre 4 volte più elevato rispetto agli automobilisti e che l’errore umano sia il fattore più determinante tanto che le prime 3 cause di incidentalità sono la distrazione, la trasgressione di precedenze e l’eccessiva velocità.

Sarebbe utile quindi chiedere ad Anas, il tasso di incidentalità rispetto ai flussi per ciascun tronco dell’arteria viaria con una caratterizzazione rispetto alle cause e di questo certamente mi farò portavoce presso il Parlamento. Il Governo ha posto la massima attenzione sulla sicurezza stradale e sui fattori infrastrutturali tanto da stanziare ulteriori risorse per la messa in sicurezza delle strade ma senza lo sforzo di tutti gli attori per indurre nell’opinione pubblica un cambiamento culturale ogni intervento non sarà risolutivo. 

Share Button