Rossi su nuovo aeroporto Firenze: comportamento indecente e gravissimo!

Share Button

Microsoft Word - NOTA DC_last edition 22-02-2012.docxNell’ambito della realizzazione del nuovo aeroporto di Peretola, è attualmente in corso l’esame del relativo progetto preliminare, cd Masterplan, da parte della Commissione nazionale di Valutazione di Impatto Ambientale presso il Ministero dell’Ambiente, organismo tecnico e indipendente incaricato di istruttoria per rendere il relativo parere in merito. Lo scorso 31 marzo in una riunione di questo comitato tecnico, come si è appreso negli scorsi giorni, ha partecipato personalmente il Presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, che anticipando pubblicamente l’esito dell’istruttoria.

Tutto ciò francamente è vergognoso e irrispettoso di ogni minima regola di buona politica e buona amministrazione, perché mina il rapporto di autonomia e indipendenza di organi tecnici che non dovrebbero subire alcuna pressione nell’esercizio delle proprie delicate funzioni! Per questo sull’accaduto ho presentato un’interrogazione alla Camera dei deputati.

rossiSolo l’arroganza della politicanti di professione dei partiti infarcita esclusivamente da interessi e affari propri, può consentire ad un rappresentate non tecnico di prendere parte ad una riunione istruttoria che dovrebbe trattare di temi fondamentali per l’ambiente, la salute ed il territorio. I proclami del Presidente Rossi sono gravissimi e violano le doverose esigenze di riservatezza specie per progetti di tale rilevanza ancora non conclusi. 

Numerose, infatti, sono state le interrogazioni e gli esposti presentati dal deputato per puntare l’attenzione della politica, degli organi di controllo inclusa la Procura della Repubblica, sulle delicatissime problematiche ambientali sollevate dalla realizzazione del nuovo aeroporto che si pone anche in violazione della normativa europea, specie in campo di aiuti di Stato. L’aeroporto è ben lontano da essere utile per il Paese e i bisogni dei cittadini, l’opera è piuttosto una risposta agli interessi del Presidente Renzi e dei suoi amici, direttamente coinvolti nell’ambito dei relativi finanziamenti.

Questo è l’ennesimo volgare attacco alla democrazia nella gestione scandalosa della progettazione del nuovo aeroporto, in cui la presunzione delirante di gestire potere assume la presunzione di impunità assoluta: pretendiamo di sapere chi abbia autorizzato la partecipazione del Presidente Rossi alla riunione del Gruppo istruttorio e quali siano state le motivazioni e quali provvedimenti verranno presi per tale vergognoso comportamento.

Mentre ai cittadini si preclude la trasparenza nella gestione della cosa pubblica, ai politici amici è consentito travalicare ogni confine anche quello del principio democratico di separazione dei poteri e di anticipare e disporre delle decisioni finali non di propria competenza! Il Presidente Rossi infatti si è anche intestato la presidenza di un Osservatorio con funzioni di vigilanza e verifica, un istituzione che ad oggi non esiste, ergendosi a chiacchiere a paladino di tutela dei cittadini quando con il suo comportamento immorale e antidemocratico ha dimostrato di non avere dignità  e vergogna!

Questo è intollerabile e lo specchio di un’illegalità  diffusa: chiediamo rispetto per le Istituzioni con un’assunzione di responsabilità  del Ministro Delrio sull’inaccettabile accaduto e sulla inaudita gestione della progettazione del nuovo aeroporto.

Share Button