Impianto Heracle a Erchie: solo speculazione, nessuna vantaggio per i cittadini.

Share Button

Qualcuno vuole speculare sulle emergenze create ad arte! Nel brindisino c’è ovviamente necessità di realizzare un’impiantistica adeguata per il trattamento dell’organico, ma totalmente diversa dall’impianto della Heracle! Innanzitutto, la scelta dell’anaerobico dimostra che l’interesse principale della società è una mera speculazione: come in tutti i casi analoghi, in Puglia e sul territorio nazionale, la priorità è prendere incentivi economici pubblici, cioè soldi delle tasse degli italiani, per la produzione di gas invece di produrre ottimo fertilizzante dai #rifiuti organici. Quindi, c’è una truffa semantica: si chiama impianto di compostaggio un impianto per produrre gas, offendendo l’intelligenza dei cittadini con errori in malafede!

Inoltre, l’impianto non è previsto dalla pianificazione regionale che localizza gli impianti industriali per il trattamento dell’organico in un’altra zona del brindisino, e ancor più importante, c’è da osservare che con questo tipo di impianti giungerebbero anche altri scarti molto diversi dalla frazione umida dei rifiuti urbani, per esempio da zootecnia e fanghi di depuratori: la priorità per l’azienda è quella di alimentare l’impianto sovradimensionato con qualunque scarto perché trae profitto dalla generazione di gas. E per di più, questi materiali potrebbero probabilmente giungere da altre province e da altre regioni!

Il Comune e la Provincia dovrebbero prendere definitivamente posizione contro questo genere di impianti e rivedere le autorizzazioni favorevoli già rilasciate! Ai motivi già esposti si aggiunge che questo impianto andrebbe in concorrenza con un impianto aerobico, pubblico e ben dimensionato (sufficiente per Erchie) per produrre ottimo compost, e sarebbe anche a discapito del compostaggio domestico e di comunità, che sono le priorità da attuare.

Share Button