Delrio a Lecce: vergognosa propaganda di regime!

Share Button

delrio-in-difficoltaIl Ministro Graziano Delrio fa tappa a Lecce per la campagna referendaria. Ecco come è stato accolto dalla città.

Il Governo non dovrebbe proferire parola sulla modifica della Carta Costituzionale che è la casa degli Italiani e pertanto materia esclusivamente del Parlamento. La gita dei membri del Governo dovunque in Italia sono eventi di propaganda del futuro regime! Sulle infrastrutture Delrio mente! E’ falso che l’attuale Costituzione impedisca che si facciano. Quando vuole, il Governo ha già imposto le proprie decisioni ai territori, come ad esempio con l’Alta Velocità Torino-Lione in Val Susa oppure il gasdotto TAP in Salento!

Se mancano i servizi nei trasporti la responsabilità è tutta dei Governi e dei Ministri, non della Costituzione! Renzi e Delrio continuano a tagliare i fondi per il Trasporto Pubblico Locale mettendo in crisi il settore. A questo si aggiungono le nomine calate dall’alto di emeriti incapaci messi a gestire le aziende di trasporto, le società aeroportuali o le autorità portuali esattamente con gli stessi danni delle nomine dei vertici delle Asl nella sanità. Voglio ricordare che l’Amministratore Unico di Ferrovie Sud Est, Fiorillo, nominato dal Ministero, è stato lasciato per decenni a spolpare l’azienda indisturbato e nessuno ha mosso un dito per controllare.

imagesL’inadeguatezza di Delrio e di tutto il Governo Renzi è evidente! La bocciatura della Corte Costituzionale della riforma dei trasporti pubblici, è l’ennesima riprova che l’Italia è governata da persone incapaci. La Costituzione non può essere modificata da questi ciarlatani, tantomeno utilizzata come parafulmine per coprire le loro plateali colpe di fronte ai tagli dei servizi ai cittadini! La Costituzione è l’ultima difesa del popolo italiano contro lo strapotere delle lobby ed è per questo che Renzi e il PD vogliono cambiarla, indebolendo i diritti di cittadini e lavoratori a favore di chi gli paga le campagne elettorali.  Per questo occorre votare NO il 4 dicembre!

Share Button