Crisi di Governo…

Share Button

Se tutto non fosse drammaticamente serio per il Paese, Salvini sarebbe il personaggio principale di Governiful, una serie molto più divertente di Friends ma certamente più demente di MrBean dato che il protagonista soffrirebbe contemporaneamente di personalità multipla, Alzheimer, ubriacatura molesta, disturbi cognitivi e allucinazioni.

Riassunto delle puntate precedenti:

  • Lega e M5S scrivono contratto di governo
  • Governo e parlamento approvano molti provvedimenti con ruolo marginale della lega
  • Ministri lega indagati e condannati si dimettono
  • Parlamentari Lega non si riducono stipendio e non rinunciano a indennità di funzione (presidenti, vicepresidenti e segretari di commissione)
  • Parlamento approva per 3 volte il taglio dei parlamentari con appoggio della lega.
  • Salvini dichiara che il m5s dice troppi “no” e che il governo non può andare avanti
  • Per 2 settimane chiede elezioni a ottobre attribuendosi il potere del Capo dello Stato
  • M5s chiede di votare definitivamente taglio dei parlamentari
  • Lega afferma che nuovo governo taglierà parlamentari e pure gli stipendi
  • M5s chiede che i ministri leghisti si dimettano
  • Lega dichiara che non c’è alcun problema a dimettersi
  • M5s chiede di votare subito taglio parlamentari e deliberare riduzione stipendi parlamentari
  • Lega dichiara di votare taglio parlamentari e andare subito al voto
  • M5s ricorda che scioglimento Camere è prerogativa del Presidente della Repubblica
  • Salvini e i ministri non si dimettono
  • Movimento chiede di ritirare mozione fiducia a Conte
  • Lega dichiara che sfiducerà Conte
  • Ministri lega disconoscono provvedimenti come reddito di cittadinanza ed ecobonus
  • Calderoli tenta di intestarsi battaglia sul taglio dei parlamentari
  • Giorgetti scarica responsabilità della decisione della crisi unicamente a Salvini
  • Siri vuole portare a Di Maio i computer che la magistratura vorrebbe acquisire sulle indagini che lo riguardano, purché si voti subito.
  • Salvini afferma di non aver mai chiesto dimissioni Conte

Purtroppo no, non è una serie TV da guardare con i popcorn, ma l’elenco di 3 settimane di castronerie del più inaffidabile dei politici.

Per fortuna ci sono persone, umanamente e politicamente giganti, come Giuseppe Conte, Luigi Di Maio, Roberto Fico e Beppe Grillo che con grande saggezza confermano che l’Italia ha ancora speranza.

Ps: quando ci chiama “amici” sembra proprio B. che in campagna elettorale chiamava gli italiani allo stesso modo!

Share Button