Codice della Strada: continuiamo a lavorarci

Share Button

Dopo mesi di lavoro sul Codice Della Strada oggi sono stati presentati dai relatori i pareri anche sugli articoli rimanenti da 4 al 9 e le contestuali riformulazioni per quegli emendamenti delle opposizioni che riteniamo di poter accogliere, sebbene con un testo diverso. Tra questi è stato riformulato anche l’emendamento del collega del Pd, on. Gariglio, che riprende in sostanza quanto acquisito nelle audizioni dall’Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Crediamo che l’epoca della sosta selvaggia debba finire e che sulla strada ci voglia rispetto reciproco tra le persone: gli enti locali devono poter agire con trasparenza contro coloro che non rispettano le regole, come confermato anche da una giurisprudenza sedimentata sebbene non sempre univoca. Come ribadito anche in altre occasioni, è unanime per tutti i gruppi parlamentari la necessità di stabilire con chiarezza le funzioni da attribuire agli ausiliari della sosta e al personale delle aziende del trasporto pubblico, nel quadro di una mobilità urbana profondamente rinnovata negli ultimi decenni, certamente diversa da quando la legge Bassanini è stata approvata.

Atteso che tali funzioni verranno conferite in maniera nominale dal Sindaco come peraltro già avviene per dipendenti del Comune e personale di società private come Anas e Trenitalia, e considerato che i vigili urbani oggi sono impegnati in altri compiti certamente più gravosi (manifestazioni, incidenti stradali, verifica residenze, verifiche attività commerciali,…), abbiamo ritenuto assurdo che essi non possano essere coadiuvati nelle funzioni di verifica e accertamento delle violazioni relative alla sosta dagli ausiliari prevedendo in maniera esplicita l’intervento di questi ultimi anche al di fuori delle aree a pagamento. Può un’auto in sosta sulle strisce pedonali, su un marciapiede, su uno scivolo disabili, su una pista ciclabile, al centro della carreggiata, in prossimità di una intersezione non creare danno ad altri cittadini pur “rubando” spazio pubblico riservato ad altri? Ovviamente no, altrimenti non esisterebbero le regole che consentono una civile convivenza. Un veicolo parcheggiato in maniera non corretta crea intralcio o pericolo per altri utenti della strada: poco importa che siano veicoli della medesima categoria o peggio siano utenti più deboli come ciclisti e pedoni (inclusi anziani, disabili e bambini!).

Tutto il provvedimento rispecchia la volontà del Governo e della maggioranza di dare segnali tangibili per il miglioramento della sicurezza stradale e va valutato nel suo complesso, considerato che abbiamo riflettuto con la massima attenzione su ogni contributo che i parlamentari e tutti gli attori coinvolti hanno fornito, accogliendo ove possibile tutte le sollecitazioni pervenute in un clima di massima collaborazione e disponibilità al dialogo.

Vogliamo rendere le nostre città più vivibili e dare alternative comode ed economiche agli spostamenti urbani, perseguendo al contempo l’obiettivo di pretendere il rispetto delle regole condivise da parte di tutti i cittadini, indipendentemente dal veicolo che usano. Su questi temi, come testimonia la richiesta dei sindaci di ogni colore politico non si può fare una battaglia ideologica, adducendo strumentalmente l’alibi della multa selvaggia per giustificare ancora la #SostaSelvaggia.

Share Button