Con Ministra Pisano al lavoro per digitalizzazione etica, inclusiva e sostenibile

Finalmente un Governo che ha le idee chiare per digitalizzare la società, guardando non solo ai servizi resi dalla pubblica amministrazione, ma a quelli di una Smart Nation dove anche cittadini e imprese siano protagonisti di questo cambiamento epocale.

Siamo orgogliosi che la Ministra Pisano abbia illustrato al Parlamento questa strategia costituita da un piano concreto basato su 3 pilastri e declinato in decine di azioni puntuali per rendere entro il 2025 il nostro Paese una Repubblica digitale.

È evidente che abbiamo bisogno di strumenti affinché in Italia venga riconosciuto e promosso il diritto ad innovare e siano garantiti senza discriminazioni gli investimenti per la realizzazione e la diffusione capillare della infrastruttura basata su fibra ottica e sul 5G, dando impulso agli SmartContract e alle applicazioni della Blockchain e a quelle dell’intelligenza artificiale.

Tuttavia quello che colpisce maggiormente di questa ambiziosa strategia, che punta a colmare in soli 5 anni il gap con gli altri Paesi Europei, è l’approccio trasparente grazie alla consultazione pubblica sulla piattaforma ParteciPA e di voler usare questo metodo per raggiungere l’encomiabile obiettivo di diffondere le tecnologie più avanzate per uno sviluppo che deve essere inclusivo, etico e sostenibile del nostro Paese.

Come ha ben specificato anche la ministra per l’Innovazione Paola Pisano, questi risultati si possono raggiungere soltanto con un grande lavoro di coordinamento per dare all’Italia una governance coesa e univoca tra Agid e il Dipartimento di Innovazione, volta sia a ridurre il digital divide e sia, soprattutto, ad armonizzare le politiche dei diversi Ministeri in tema di innovazione.

Lavoreremo accanto alla Ministra perché siamo certi che tale profusione di energie sia il giusto investimento che i cittadini aspettavano da tempo: gli italiani meritano le migliori opportunità che le tecnologie e l’innovazione possono offrire.

5 esperti per la squadra Infrastrutture e Trasporti di Andrea Cioffi

La squadra di Andrea Cioffi, candidato facilitatore per Infrastrutture e Trasporti del Team Del Futuro del M5S, si amplia con 5 esperti di altissimo profilo:L'immagine può contenere: 9 persone, persone che sorridono, testo

Stefano Brinchi, ingegnere civile, Presidente e AD Roma Servizi per la Mobilità, esperto di trasporto pubblico;
Giuseppe Attardi, professore ordinario all’Università di Pisa, esperto di Intelligenza Artificiale e Cloud;
Silvio Levrero, ingegnere strutturista, esperto collaudatore di ponti e gallerie, strutture in cemento armato e edilizia, progettista, direttore tecnico, responsabile diagnostica e sicurezza;
Nuccio Di Paola, deputato regionale M5S alla Regione Siciliana, esperto di informatica, di infrastrutture e innovazione;
Roberto Ruggiero, ingegnere, funzionario del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ma anche progettista, direttore dei lavori e collaudatore di opere pubbliche.

Sono orgoglioso di questa squadra straordinaria che raccoglie competenze di assoluta eccellenza e per questo sono certo che il M5S non possa desiderare dei professionisti migliori al servizio del nostro Paese.

Strategia italiana sulla banda ultra-larga

L'immagine può contenere: testoQuesta mattina si sono svolte le audizioni di Infratel Spa (concedente) e di Openfiber Spa (concessionario) per discutere dell’avanzamento dell’attuazione della strategia italiana sulla banda ultra-larga, cioè sulla posa della infrastruttura in fibra ottica fino alle abitazioni, agli edifici pubblici e alle imprese e dell’incentivo economico per la sottoscrizione di abbonamenti alla rete internet con collegamenti ultraveloci (superiori a 100 Megabit/s).

Nel giro di pochissimi anni, entro il 2023, circa 7.000 Comuni italiani saranno raggiunti da una rete pubblica a prova di futuro, cioè completamente in fibra ottica, e l’85% delle unità immobiliari italiane avranno la disponibilità di questa importantissima infrastruttura ad altissima velocità che garantirà l’accesso a servizi telematici sia pubblici sia privati.

È di fondamentale importanza completare questa grande opera che produrrà capillarmente effetti benefici in termini di coesione sociale, attrazione di investimenti, innovazione, occupazione e sviluppo economico ma è indispensabile anche introdurre velocemente degli incentivi per sostenere la domanda di attivazione di servizi di connessione ultralarga alla rete se vogliamo che il nostro Paese competa nel panorama internazionale e diminuiscano le differenze socioculturali ed economiche tra le aree del Paese.

Internet Governance Forum 2019

Su delega del presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico e dopo aver partecipato alle sessioni di Joao Pessoa (Brasile) nel 2015 e di Ginevra (Svizzera) nel 2017, oggi parteciperò al 14° incontro annuale dell’Internet Governance Forum (IGF) organizzato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite a Berlino.

Quest’anno lo slogan è “One World. One Net. One Vision” – “Un solo Mondo. Una sola rete. Una unica visione” per sottolineare l’importanza di un approccio multilaterale e multistakeholder, globale e capillare.

Oggi è l’ultimo giorno in cui i parlamentari di tutti i Paesi si confrontano nella sintesi di questa interlocuzione avuta con stakeholders, esponenti dei settori pubblico e privato sullo sviluppo del digitale e delle sue infrastrutture con le tante implicazioni nella vita sociale economica e politica di ogni essere umano.

Internet significa opportunità, sfide e rischi.

L’IGF 2019 si conferma appuntamento fondamentale per la politica, l’industria, la società civile, di discutere come realizzare una rete globale, neutrale, aperta e democratica.

Per maggiori informazioni sull’IGF 2019, CLICCA QUI.

Audizione della Ministra Pisano in Commissione semplificazione

Risultati immagini per paola pisanoIeri mattina si è tenuta l’audizione della ministra per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, Paola Pisano presso la Commissione parlamentare per la semplificazione. La strategia per la digitalizzazione dell’Italia che il Governo sta mettendo in atto è giustamente ambiziosa e di lungo periodo: si tratta di sostenere il processo di digitalizzazione all’interno della pubblica amministrazione, l’alfabetizzazione della cittadinanza e contemporaneamente l’elaborazione di una strategia comune di raccordo tra tutti i Ministeri e gli altri soggetti pubblici e privati nell’ambito dell’innovazione tecnologica.

Al minuto 41.40 il mio intervento in merito ad ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente), SPID e carta di identità elettronica e l’app IO, che sarà attivata nei prossimi mesi dell’anno e che sarà una vera e propria rivoluzione per i cittadini in termini di semplificazione dei rapporti con la pubblica amministrazione.

Per visualizzare l’audizione completa, CLICCA QUI

5G e gestione dei big data

Stamane è intervenuto in Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni il presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM), Angelo Marcello Cardani, in merito alla transizione verso il 5G ed alla gestione dei big data.

Il passaggio alla tecnologia 5G segnerà al contempo un’evoluzione ed una rivoluzione dei sistemi radiomobili fin ora esistenti, consentendo lo sviluppo di mercati “verticali” molto importanti per il Sistema-Italia come quelli dell’Industria manifatturiera e dell‘ automotive, oltre ai settori dell’intrattenimento, dei servizi e della salute dei cittadini. Nel corso dei prossimi anni, all’infrastrutturazione delle reti 5G in tutta Italia, farà seguito una progressiva riduzione dei costi di utilizzo ed un corrispettivo incremento rilevante nelle prestazioni dei servizi internet.

L’intervento del presidente Cardani è stato particolarmente utile, perché sono stati ribaditi due concetti fondamentali: il 5G è una tecnologia che espone ad un inquinamento elettromagnetico molto inferiore rispetto ai 2G/3G/4G attualmente in vigore, ed il livello di elettromagnetismo relativo alla tecnologia 5G è anni luce distante da quello che è il vero limite d’inizio della reale pericolosità per la salute umana.

Per visualizzare l’audizione completa, CLICCA QUI

Audizione della Sottosegretaria per lo Sviluppo economico, Mirella Liuzzi, in Commissione Trasporti

In corso di svolgimento l’audizione della Sottosegretaria per lo Sviluppo economico, Mirella Liuzzi, in Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle nuove tecnologie delle telecomunicazioni, con particolare riguardo alla transizione verso il 5G ed alla gestione dei big data.

Per visualizzare l’audizione completa, CLICCA QUI

La Camera dei deputati approva la legge sulla Sicurezza Cibernetica

Nessuna descrizione della foto disponibile.Si tratta di un passo fondamentale per assicurare un livello elevato di sicurezza delle reti, dei sistemi informativi e dei servizi informatici delle amministrazioni pubbliche, degli enti e degli operatori nazionali, pubblici e privati.

Il 2018 è stato l’anno peggiore di sempre in termini di minacce “cyber”, con una crescita del 37.7% degli attacchi gravi rispetto al 2017. Le minacce cibernetiche sono sempre più frequenti e pericolose, come rilevabile nel Rapporto Clusit 2019.

Con questo provvedimento, miglioreremo le difese informatiche del Paese con l’istituzione di un perimetro di sicurezza nazionale. Allo stesso tempo, saranno attuate particolari misure ad hoc e sono previsti poteri speciali per garantire la sicurezza delle strutture informatiche e tecnologiche di importanza strategica, minimizzando al minimo i rischi e, al contempo, garantendo la più estesa fruizione dei più avanzati strumenti offerti dalle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Intervengo in Commissione Trasporti sul Ministero per l’Innovazione e le sue linee programmatiche

Il Ministero per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione è il più giovane tra i Ministeri del nuovo Governo ma sarà certamente tra i più longevi.

Viviamo in uno scenario di trasformazione epocale della società nel quale l’innovazione e tecnologica è protagonista indiscussa. Le linee programmatiche esposte dalla ministra per l’innovazione Paola Pisano in Commissione sono la sintesi perfetta di quanto il nostro Paese ha bisogno di realizzare al più presto per competere sui mercati globali, garantire i diritti costituzionali di tutela della persona, della salute, dell’ambiente nella dimensione immateriale.
La governance del Ministero per l’innovazione sarà fondamentale per coordinare tanti ambiziosi progetti in essere e ancora da realizzare che renderanno più efficienti le comunicazioni tra sistema pubblico e cittadini e tra sistema pubblico e imprese, oltre che rappresentare un’opportunità per la crescita economica del Paese.
In conclusione, sono certo che il processo d’innovazione, se correttamente gestito, condurrà l’Italia a trasformarsi in una vera e propria Smart Nation.

Per vedere il mio intervento in Commissione Trasporti, CLICCA QUI