Perchè mi candido alle Parlamentarie 2018 del M5S!

Guarda questo breve video: saprai perché mi candido e come intendo supportare i candidati della nostra lista nei vai collegi per diffondere il nostro programma del Governo a 5 stelle (attraverso questo link https://goo.gl/forms/964UvaEyevspr9zw2)

Candidatura Parlamentarie 2018

CANDIDATURA ALLE #PARLAMENTARIE 2018 DEL #M5SGuarda questo breve video: saprai perché mi candido e come intendo supportare i candidati della nostra lista nei vai collegi per diffondere il nostro programma del Governo a 5 stelle (attraverso questo link https://goo.gl/forms/964UvaEyevspr9zw2)

Publiée par Diego De Lorenzis sur Jeudi 4 janvier 2018

IGF 2017 a Ginevra

Ultimo giorno a Ginevra (città natale di Rousseau e città della Pace) per seguire i lavori (purtroppo solo alcune sessioni) dell’IGF2017.

Molte persone mi chiedono cosa ci sia da discutere in questo incontro internazionale e perché sia tanto importante: all’IGF con metodo assolutamente partecipativo, dal basso, paritario e trasparente, multilaterale e multistakeholder si affrontano i grandi temi che riguardano lo sviluppo della rete globale e i suoi impatti nella vita dei cittadini, dei giovani, delle comunità, delle imprese, delle donne, in tutti i Paesi del mondo. Insomma, non è affatto una discussione tecnica su argomenti riservati agli addetti ai lavori. Per fare alcuni esempi, qui si confrontano posizioni diverse sulla neutralità della rete, sul ruolo delle piattaforme social sui diritti universali e inalienabili come la libertà di espressione, sul ruolo della rete nell’emancipazione della donna e nella promozione della parità di genere, ma anche di cybersecurity e privacy, sul diritto all’informazione contro la censura di alcuni regimi e anche di come la rete può alimentare e contrastare le fakenews, sostenibilità ambientale e diritti umani, proprietà intellettuale e tutela dei minori… (guardate le foto del programma!)

Un dialogo globale, costante e diretto non solo di Governi, industria e multinazionali ma soprattutto della società civile sui temi che caratterizzeranno il futuro dei popoli di tutta la Terra nei prossimi decenni, un confronto libero per trovare l’ispirazione e le politiche che possano guidare l’umanità in pace e prosperità.

IGF 2017 sulla governance di Internet

Sono a Ginevra da ieri pomeriggio per partecipare all’IGF 2017, l’incontro mondiale sulla governance di internet. Questa mattina ne ho approfittato per visitare il Cern, insieme ad una delegazione dell’IGF… è stata un’occasione davvero speciale per porre tante domande sul più avanzato laboratorio internazionale di ricerca sulla fisica, dalle particelle subatomiche alla natura e alle leggi dell’universo intero!

Qui è nato il WEB, grazie a Tim Berners-Lee, e venire a vedere il loro data center è stata davvero un’esperienza nica! Il Cern è nato sul confine svizzero-francese ed è finanziato da 22 Paesi e collegato a moltissimi centri di ricerca e università dislocati in giro per il mondo, incluso con la NASA.

Essendo un centro di ricerca nato per condividere globalmente teorie e risultati degli esperimenti è APERTO, non solo alla condivisione dei dati, ma anche alla partecipazione dei visitatori e alla divulgazione della scienza ovunque nel mondo…nonostante questo mi ha stupito la quasi totale assenza di controlli di sicurezza (basta avere solo un badge)! Sono a Ginevra da ieri.

INTERNET GOVERNANCE FORUM 2017 a Ginevra

E’ gravissima l’assenza del governo al forum mondiale per la governance di internet che si svolgerà da lunedì a Ginevra. Si tratta di un evento molto importante, dove si discute del futuro del mondo e dove ministri e capi di governo prendono impegni e accordi su delicati equilibri.

Molti Paesi sono presenti con esponenti del governo, che partecipano non solo a conferenze e tavole rotonde ma soprattutto a incontri bilaterali.
Crediamo sia un evento molto importante, ed è per questo motivo che la prossima settimana sarò a Ginevra. Un interesse non solo personale, ma di tutto il MoVimento 5 Stelle. Diversamente dai partiti.

Prima Letta, poi Renzi e infine Gentiloni: nessuno di loro è mai stato presente a un evento di questa portata. Inspiegabilmente i governi italiani in questi cinque anni hanno snobbato questo incontro internazionale: hanno mandato sempre dei tecnici del ministero dello Sviluppo economico e anche quest’anno parteciperanno soltanto dei funzionari.

Con il MoVimento al governo a un evento del genere parteciperebbe senza alcun dubbio una rappresentanza politica, come accade già per moltissimi altri Paesi partecipanti a questo fondamentale evento.

Nessuna descrizione della foto disponibile.

La forza della Coerenza

Oltre 24 milioni di euro per la nascita di oltre 6.000 PMI e 14.000 posti di lavoro attraverso oltre 10.000 sportelli in tutta Italia, grazie alle restituzioni del M5s al fondo per il microcredito! http://www.movimento5stelle.it/parlamento/microcredito/

Non era mai accaduto nella storia che i politici restituiscano a legittimi proprietari, i cittadini italiani, quanto viene loro prestato e non utilizzato per svolgere al meglio le funzioni di rappresentante nelle istituzioni e metà dello “stipendio”. https://www.beppegrillo.it/tirendiconto.it/trasparenza/

Mentre il PD si rivela ancora un bluff sull’abolizione dei vitalizi, il M5S mantiene quanto promesso da sempre dimostrando di essere l’unica forza politica con persone libere e credibili.

Copenaghen: tutti vanno in bicicletta perchè è il mezzo più veloce, economico, conveniente e salutare. Non sono geneticamente diversi dagli italiani.

Centro di Copenaghen, 8.30 di mattina di lunedì, temperatura prossima allo zero… centinaia di persone vanno a lavoro in bicicletta, eppure non sono masochisti o geneticamente diversi dagli italiani: lo ritengono e lo hanno reso il mezzo più veloce, economico, conveniente, salutare per gli spostamenti tra i 3-5 km e i 10 km (per spostamenti più brevi si preferisce andare a piedi, per quelli più lunghi si combina il treno o gli autobus): serve avere percorsi diretti e sicuri, magari dei bagni comodi in azienda, rastrelliere ovunque, accessi rapidi ai mezzi pubblici, priorità semaforica e stradale,…
Siamo convinti che queste ricette si possano adattare anche al nostro Paese ed è per questo che promuovere e incentivare le persone alla mobilità attiva (piedi e bici) come pilastro complementare al trasporto pubblico!

Centro di Copenaghen, 8.30 di mattina di lunedì, temperatura prossima allo zero… centinaia di persone vanno a lavoro in bicicletta, eppure non sono masochisti o geneticamente diversi dagli italiani: lo ritengono e lo hanno reso il mezzo più veloce, economico, conveniente, salutare per gli spostamenti tra i 3-5 km e i 10 km (per spostamenti più brevi si preferisce andare a piedi, per quelli più lunghi si combina il treno o gli autobus): serve avere percorsi diretti e sicuri, magari dei bagni comodi in azienda, rastrelliere ovunque, accessi rapidi ai mezzi pubblici, priorità semaforica e stradale,…Siamo convinti che queste ricette si possano adattare anche al nostro Paese ed è per questo che promuovere e incentivare le persone alla mobilità attiva (piedi e bici) come pilastro complementare al trasporto pubblico! MoVimento 5 Stelle Camera Mirella Liuzzi – Portavoce M5S Michele Dell'Orco M5S Commissione IX Camera – Trasporti Poste e Telecomunicazioni Mirko Busto Arianna Spessotto Cittadina Portavoce M5S Paola Carinelli – M5S Andrea Cioffi Marco Scibona Nicola Bianchi MoVimento 5 Stelle MoVimento 5 Stelle Piemonte Enrico Stefàno MoVimento 5 Stelle Lombardia MoVimento Cinque Stelle Torino FIAB Onlus Bikeitalia.it MoVimento 5 Stelle Senato Federico D'Incà MoVimento 5 Stelle Paolo Nicolò Romano Andrea Cioffi Giuseppe D'Ambrosio Giuseppe Brescia Movimento 5 Stelle Puglia Mirko Busto Federica Daga Roberta Lombardi MoVimento 5 Stelle Lazio Paola Nugnes Cittadina al Senato con il M5S Vilma Moronese Vilma Moronese Cittadina Senatrice M5S

Publiée par Diego De Lorenzis sur Mardi 5 décembre 2017

Visita a Copenaghen per approfondire le politiche più innovative dei trasporti sostenibili

Questa mattina abbiamo incontrato una responsabile delle politiche dei trasporti sostenibili di Copenaghen (600.000 abitanti): abbiamo avuto grandi sorprese e non una copia di quanto avevamo già appreso in Olanda. Qui in Danimarca abbiamo arricchito le nostre conoscenze sulle soluzioni della mobilità urbana: per esempio, la municipalità non riceve fondi statali per la realizzazione della metropolitana (al momento è presente solo una linea) e il codice della strada è abbastanza rigido come il nostro… ciò nonostante la volontà di perseguire una maggiore democrazia degli spazi pubblici urbani, per migliorare la vivibilità e l’accessibilità della metropoli, è evidente.

Il loro obiettivo è di continuare ad essere la città tra le più ciclabili del mondo, con impegni precisi per aumentare il numero di ciclisti, pedoni e utenti dei mezzi pubblici. Le auto sono disincentivate anche attraverso una pianificazione urbanistica che rende più accessibili e diretti i percorsi per mezzi alternativi (spazi riservati solo a bus, ponti ciclopedonali). È posta grande attenzione alla sicurezza, sia come safety dei ciclisti/pedoni (linea di arresto avanzata per le bici alle intersezioni semaforiche, priorità di attraversamento,…) e come misure di contrasto al furto, insieme a buone infrastrutture, intermodalita (bici+treni), integrazione tariffaria, uso flessibile degli spazi. Infine, l’educazione, la promozione e la comunicazione rivolta a tutte le fasce della popolazione con misurazione dei risultati in un miglioramento continuo.

Un altro aspetto curioso è che il Comune non riscuote gli incassi derivanti dalle tariffe del parcheggio di auto che vengono “girati” allo stato centrale. In tal modo, si rompe il circolo vizioso che induce le nostre amministrazioni spesso a disseminare parcheggi ovunque per poter fare cassa. Avere degli obiettivi precisi a breve termine (decarbonizzazione 2025) permette di avere iniziative concrete per rispondere alle sfide quotidiane, senza ovviamente tralasciare l’importanza di una programmazione di più ampio respiro.
Parte di questa visione e le conseguenti pianificazioni e azioni sono nel nostro programma politico e nelle proposte che abbiamo avanzato in questi ultimi 5 anni in Parlamento. Presto saranno a disposizione di tutti gli italiani che dovranno scegliere se sprecare ancora i loro soldi o poterli impiegare per avere più servizi e più benessere diffuso!

 

 

Trasporti sostenibili in Danimarca

Questa mattina ci siamo recati nel borgo di Søby dell’isola di Ærø (un Comune di 6.000 abitanti), insieme al capo progetto e al sindaco, per visitare il cantiere navale del traghetto elettrico (e-Ferry) finanziato per il 75% con fondi del programma europeo Horizon 2020: 26 milioni di euro per sviluppare un’imbarcazione per trasporto auto e passeggeri con autonomia di 22 miglia nautiche (circa 40 km) completamente elettrico (anche per riscaldamento).
Ci hanno spiegato le difficoltà tecniche e burocratiche ma anche i risultati attesi. Appena in esercizio il traghetto eviterà l’emissione di migliaia di tonnellate di CO2 ogni anno contribuendo in maniera determinante a rendere il trasporto marittimo decisamente innovativo e sostenibile!

In Italia ho proposto una legge per destinare un miliardo di euro a auto elettriche e colonnine di ricarica e in legge di Bilancio riproporremo queste misure affinché anche l’Italia abbia un sistema di trasporti davvero sostenibile!

TRASPORTI SOSTENIBILI IN DANIMARCAQuesta mattina ci siamo recati nel borgo di Søby dell’isola di Ærø (un Comune di 6.000 abitanti), insieme al capo progetto e al sindaco, per visitare il cantiere navale del traghetto elettrico (e-Ferry) finanziato per il 75% con fondi del programma europeo Horizon 2020: 26 milioni di euro per sviluppare un’imbarcazione per trasporto auto e passeggeri con autonomia di 22 miglia nautiche (circa 40 km) completamente elettrico (anche per riscaldamento).Ci hanno spiegato le difficoltà tecniche e burocratiche ma anche i risultati attesi. Appena in esercizio il traghetto eviterà l’emissione di migliaia di tonnellate di CO2 ogni anno contribuendo in maniera determinante a rendere il trasporto marittimo decisamente innovativo e sostenibile! In Italia ho proposto una legge per destinare un miliardo di euro a auto elettriche e colonnine di ricarica e in legge di Bilancio riproporremo queste misure affinché anche l’Italia abbia un sistema di trasporti davvero sostenibile! Mirella Liuzzi – Portavoce M5S Michele Dell'Orco Nicola Bianchi Arianna Spessotto Cittadina Portavoce M5S Davide Crippa – Cinque Stelle Davide Crippa MoVimento 5 Stelle Camera MoVimento 5 Stelle Federico D'Incà MoVimento 5 Stelle MoVimento 5 Stelle Piemonte MoVimento 5 Stelle Lombardia M5S Commissione IX Camera – Trasporti Poste e Telecomunicazioni Mirko Busto Carlo Martelli Andrea Cioffi Marco Scibona Cittadino in Senato Marco Scibona Andrea Cioffi

Publiée par Diego De Lorenzis sur Samedi 2 décembre 2017

A Svendborg per documentarci sull’E-ferry, traghetto elettrico finanziato dai fondi UE.

Siamo in Danimarca, a Svendborg, dove saremo fino al 4 dicembre.

A breve salpiamo per l’isola di Aero, dove c’è il cantiere di un traghetto elettrico, avviato con il progetto E-ferry, finanziato con i fondi europei Horizon 2020.

Stasera incontriamo i responsabili dei lavori che ci spiegheranno gli aspetti tecnici dell’iniziativa; domani invece tappa al cantiere per vedere il traghetto elettrico in costruzione e, nei prossimi giorni, a Copenaghen per incontrare i rappresentanti istituzionali e approfondire le scelte legate all’obbiettivo di diventare “carbon neutral”, ovvero ridurre il proprio impatto sul Clima, entro il 2025, con particolare riguardo ai trasporti.

Mentre i partiti litigano per avere poltrone e gestire consenso, noi pensiamo a come risolvere al meglio i problemi degli italiani.

Domattina io e alcuni colleghi deputati partiamo per la Danimarca! Come accaduto in Olanda, conosceremo realtà diverse che hanno trovato soluzioni differenti per gli spostamenti: in particolare visiteremo l’azienda che produce il primo traghetto elettrico al mondo e poi a Copenhagen avremo altri incontri con istituzioni e soggetti legati ai trasporti.
Siamo certi che le soluzioni non possano essere “fotocopiate”, ma siamo altrettanto sicuri di poterci ispirare per contestualizzare meglio le migliori pratiche internazionali nel nostro programma politico per essere presto una Smart Nation! Stay Tuned!