S.S. 275 Conferenza stampa su interrogazione parlamentare

Interrogazione Parlamentare di Diego De Lorenzis sulla SS 275

Video M5S Diego De Lorenzis- SS 275 Maglie Leuca

Conferenza Stampa

Si è tenuta questa mattina (sabato 26 ottobre 2013) la conferenza stampa congiunta tra parlamentari del movimento 5 stelle e il Comitato 275 in cui è state presentate le interrogazioni che senatori (il 29 maggio 2013) e deputati (il 4 ottobre 2013) del movimento hanno posto a Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, Ministro dell’economia e delle finanze e Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

DIEGO DE LORENZIS portavoce del M5S alla Camera: “Riteniamo sconcertante che il ministero a distanza di mesi non abbia risposto su una questione tanto importante; il parlamento ormai non svolge la sua funzione in difesa dei diritti dei cittadini ma ci battiamo con tutti gli strumenti democratici a nostra disposizione per fare luce su eventuali eventi di malaffare: se le tesi del comitato dovessero essere accertate, saremmo di fronte all’ennesimo scandalo in cui parecchi milioni di soldi pubblici sono stati trafugati nella commistione tra imprenditoria (prosal), organi statali (anas) e politica (sisri)”

BARBARA LEZZI senatrice portavoce del M5S al Senato: “Già il 29 maggio scorso, pochissimo tempo dopo esserci insediati in Senato, abbiamo posto al Ministro per le Infrastrutture un’interrogazione sulla 275. Da Vice Presidente della Commissione Bilancio, la parte che più mi preme chiarire è quella in merito ad ANAS che incarica il SISRI che a sua volta delibera a PRO.Sal S.r.l., un’azienda privata, svariati milioni di euro per fare un progetto senza gara pubblica e senza averne i titoli. Nonostante siano ampiamente scaduti i termini, non abbiamo ricevuto risposta. Auspichiamo che il Ministro, a differenza di quanto fatto in Senato, intenda rispondere con solerzia ai colleghi della Camera.”

LUIGI PACCIONE avvocato del Comitato 275: “Suscita grande allarme sociale il silenzio di Anas spa sulle denunciate irregolarità nell’affidamento dell’incarico di progettazione del raddoppio S.S. 275 stante la comprovata mancanza in capo alla sub appaltatrice delle necessarie abilitazioni di legge [soprattutto in materia geologica e geo-idrologica]. Spero che il Ministro in Parlamento faccia finalmente chiarezza su tale aspetto, visto che Anas, società ad intero capitale pubblico, ha riservato ai Comitati ambientalisti e ai proprietari espropriandi da me assistiti un illegittimo trattamento di totale indifferenza.”

VITO LISI portavoce Comitato 275: “il risultato di tale pensiero sarebbe non solo l’inutilità ma soprattutto il danno economico perenne per le future generazioni del Salento; non possiamo permetterci di seppellire le nostre vere ricchezze che sono gli oltre 5000 olivi, i km di muretti a secco, i vari monumenti della civiltà contadina, i sentieri archeologici e tutto quello che è inimitabile e che per ostinata presunzione si vorrebbe cancellare per sempre. Noi non lo possiamo permettere.”

CORRADO RUSSO Ass. Gaia – membro del comitato 275: “I documenti parlano chiaro, ciò che fin’ora è stata fatta passare sui media per una contrapposizione politica sul no o il si al raddoppio, è in realtà una mera questione di legittimità o meno sul percorso progettuale e procedurale. Tutti vogliamo una mobilità efficiente e sostenibile, il punto è con quali mezzi arriviamo a costruirla. Per questo è necessario ora ripartire da una nuova progettazione partecipata e trasparente. Se questo fosse stato fatto sin dall’inizio, oggi avremmo già una viabilità migliore di quella attuale”.1375279_10201694091467584_1982742006_n

 

Alcuni Media che hanno ripreso la notizia

http://www.leccenews24.it/articoli/politica/2013/10/26/190397/statale-275-il-m5s-interroga-il-ministro-dei-trasporti.html
http://www.lecceprima.it/politica/cinque-stelle-interrogazione-strada-275-dubbi-affidamento-progettazione.html
http://magazine.pianetalecce.it/archives/s-s-275-il-m5s-interroga-il-ministro-dei-trasporti
http://www.leccesette.it/dettaglio.asp?id_dett=16029
http://www.giornaledipuglia.com/2013/10/ss275-m5s-interroga-il-ministro-dei.html
http://www.futuratv.it/politica/15020-ss-275-il-m5s-interroga-il-ministro-dei-trasporti.html

Caso Villari, l’imbarazzo del ministro Lupi (Pdl): “Scelto da enti locali”

Caso Villari, l’imbarazzo del ministro Lupi (Pdl): “Scelto da enti locali”

Intervento di Diego De Lorenzis – MoVimento 5 Stelle

da www.ilfattoquotidiano.it La nomina di Villari a presidente dell’Autorità portuale di Napoli bocciata dalla commissione trasporti della Camera. Il Ministro Lupi: “Era la candidatura proposta dagli enti locali” e scappa via imbarazzato.

 

Nota Stampa di Diego De Lorenzis: Interventi precisi e mirati all’aeroporto di Brindisi.

Aeroporto Brindisi.

Aeroporto Brindisi.

I LAVORI ALL’AEROPORTO DEL SALENTO NON CONVINCONO I DEPUTATI PUGLIESI DEL MOVIMENTO 5 STELLE – La priorità di interventi data da ADP allo scalo di Brindisi finisce all’attenzione del Ministro Lupi grazie ad un’interrogazione del deputato leccese Diego De Lorenzis

Non mancano le perplessità per il bando di gara per l’affidamento dei lavori all’Aeroporto del Salento di Brindisi. Circa 7,7 milioni di euro per il “rifacimento dei piazzali di sosta aa/mm e per l’adeguamento delle infrastrutture di volo” che non convincono il deputato leccese Diego De Lorenzis (M5S), che ha presentato in merito un’interrogazione parlamentare al Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Maurizio Lupi. La “Aeroporti di Puglia” (ADP), nel preparare il bando di gara, infatti, ha dato priorità a lavori come il prolungamento del sentiero luminoso di avvicinamento per la pista 13 in direzione N/W, invece di intervenire direttamente per risolvere i problemi di avvicinamento per gli aerei, con condizioni meteo sfavorevoli, sulla pista 31 orientata verso S/E in direzione del Porto di Brindisi.

Si sarebbe potuto intervenire, infatti, rendendo pienamente operativa e in tutta sicurezza la procedura di avvicinamento di precisione della pista 31 – dichiara il deputato del M5S, che ha raccolto le firme dei colleghi pugliesi L’Abbate, Scagliusi, Brescia, Cariello e D’Ambrosio – che fornisce ai piloti radioassistenze per indicare le manovre laterali e verticali da compiere e che prescrive delle limitazioni studiate in funzione della categoria dell’aeromobile. Questa procedura è assente per la pista 31 dove viene impiegata, invece, una procedura di “avvicinamento non di precisione” basata sull’impiego di radioassistenze, in grado di fornire solo indicazioni sulle manovre laterali da compiere. Oggi, purtroppo – continua De Lorenzis – la procedura di avvicinamento di precisione della pista 31 è significativamente limitata, poiché la ridotta inclinazione del segnale che guida il sentiero di discesa degli aerei è bypassata da un altro segnale, il Notam, che avvisa i piloti dei potenziali ostacoli per gli aeromobili che si potrebbero trovare in fase di atterraggio, rappresentati dai traghetti in sosta al porto. Il Notam, di fatto, limita la funzione corretta della procedura di avvicinamento di precisione”.

Questa situazione si traduce con l’impossibilità dell’atterraggio degli aeromobili nei momenti di scarsa visibilità, ad esempio a causa di avverse condizioni meteo, costringendo i velivoli ad atterrare in altri aeroporti con annessi disagi per i passeggeri che atterrano, così, a centinaia di chilometri dalla città di Brindisi. La soluzione potrebbe essere rappresentata da un incremento dell’inclinazione del segnale che guida il sentiero di discesa (ILS) per la pista 31 (versante che dà sul porto di Brindisi), dando la facoltà alla “procedura di avvicinamento di precisione” di essere pienamente operativa e far atterrare gli aeroplani anche in condizioni di visibilità non ottimali.

Ho ritenuto opportuno sottoporre all’attenzione del Ministro Lupi questa alternativa – dichiara De Lorenzis (M5S) – Inoltre, ho richiesto che vengano acquisite ulteriori informazioni tramite Aeroporti di Puglia per conoscere quali progetti futuri attendono la pista 31 dal versante del porto di Brindisi e quali sono state le motivazioni che hanno spinto ADP a considerare prioritaria il prolungamento del sentiero luminoso di avvicinamento della pista 13, collocata dalla parte opposta. Risolvere i problemi e annullare i disagi per i passeggeri che scelgono di atterrare nel Salento dovrebbe essere la priorità su cui ADP dovrebbe concentrarsi – conclude il deputato leccese –Riteniamo che ciò non avvenga con questo bando di gara”.

Testo interrogazione Parlamentare sul sito della Camera dei deputati

Un blog personale?

connected world

Ho pensato a lungo se fosse necessario avere un blog personale come eletto del movimento 5 stelle. Partivo ovviamente dalla considerazione che l’azione da cittadini, come quella da parlamentari, ha un senso solo se collettiva. Il progetto è sicuramente più importante dei singoli che portano avanti le idee (come dimostrano i casi di coloro che sebbene eletti si sono posti fuori dal movimento).

L’idea pertanto di avere uno strumento di comunicazione strettamente personale, a parte i profili sui social network, non mi entusiasmava perché lo ritenevo superfluo. Inoltre, avere un blog, richiede un impegno costante soprattutto in termini di disponibilità di tempo (i temi non mancano!) e ritenevo che questo potesse gravare sull’attività parlamentare.

Nel corso di questi mesi, tuttavia, anche attraverso il confronto con i colleghi, mi sono reso conto che alcune persone pur seguendo il gruppo parlamentare nel suo insieme, sono più attenti all’operato di alcuni portavoce (per tematiche specifiche, per conoscenza diretta, per vicinanza geografica, etc).

Un’altra considerazione che mi spinge ad avere un sito personale è che non tutti necessariamente utilizzano i social FB e twitter.

La necessità anche di avere un calendario condiviso delle attività d’aula, di commissione e degli altri incontri, formali e informali, cui partecipo durante la settimana e la possibilità di condividere gli appuntamenti sul territorio, in Puglia e nel resto d’Italia, rendono utile avere uno strumento come il blog.

Infine, i social network presentano alcune criticità: sono costruiti per considerazioni brevi e immediate, tutte le informazioni scorrono spesso nell’oblio ed è difficile recuperarle, con essi non è possibile caricare file.

Per queste ragioni, superando i limiti appena citati, userò il blog per scrivere analisi più approfondite e osservazioni più dettagliate durante la mia attività parlamentare, per raccogliere le idee di chi non è registrato sui social e per riportare quei documenti che sui social è impossibile caricare.